Assicurazione sanitaria per il mio cane da caccia

cane da caccia Un cacciatore che sa come caccia sa come cacciare senza il suo cane. Ma contrariamente a ciò che è noto come scioglilingua, la caccia viene raramente fatta senza il fedele compagno del cacciatore che è il cane. Sarebbe anche un peccato privare i nostri fedeli compagni perché prendono tanto piacere o forse più dei loro padroni. Tuttavia, i cani da caccia che lo praticano sono più esposti a molte malattie e ferite rispetto alla maggior parte delle loro controparti non praticanti. È quindi molto importante stipulare un'assicurazione, una per proteggerti in caso di incidente di caccia con te o una terza parte e l'altra, per coprire ulteriori costi veterinari, preventivi o curativi, che possono causare la pratica la caccia in corso.

In effetti, il cane da caccia ha esigenze preventive più importanti dei suoi congeneri che non attraversano la campagna e il bosco con la stessa diligenza di lui. Pertanto, le vaccinazioni raccomandate dai veterinari sono quelle che proteggono il cane dalle comuni malattie canine come la cimurro, l'epatite, il parvovirus e la tosse del canile ma non solo ... la vaccinazione contro la leptospirosi, malattia molto grave trasmissibile per il sangue e l'urina dei roditori, è anche altamente raccomandato per i cani da caccia che sono particolarmente esposti ad esso. Certo, devi aggiungere la vaccinazione antirabbica. Sebbene non sia obbligatorio in Francia, è una misura precauzionale per proteggere il cane dai casi importati di rabbia e per evitare l'eutanasia in caso di morso. Questa vaccinazione è tuttavia obbligatoria per andare a caccia al di fuori dei confini francesi. Infine, il rischio di contrarre la piroplasmosi, una grave malattia canina trasmissibile dalle zecche, è aumentato nei cani da caccia. Questo rischio può essere ridotto con una vaccinazione accompagnata da un promemoria annuale contro la malattia Durante le battute di caccia, il corpo dei cani viene messo alla prova e i cacciatori sanno bene che è consigliabile rimettere in forma il suo cane, come farebbe uno sportivo prima della ripresa della stagione. Se la visita al veterinario non è necessaria, potrebbe essere ancora necessaria se il cane ha guadagnato peso, si sta appena riprendendo da una malattia o se il cacciatore si chiede se l'età del cane gli consente comunque di correre come un matto dopo partita. Un test di stress può quindi essere eseguito dal veterinario per evitare problemi cardiaci. Può anche prescrivere un balsamo per rinforzare le pastiglie del cane prima di riprendere le feste di caccia.

Il cane da caccia è anche particolarmente esposto a molti parassiti interni ed esterni. Non dobbiamo dimenticare di sverminare e applicare prodotti antiparassitari, e questo molto più frequentemente di un cane che non caccia. Inoltre, il vermifugo di un cane da caccia è specifico perché deve essere efficace contro i vermi piatti responsabili dell'echinococcosi, una malattia grave per i cani e trasmissibile all'uomo. Questo tipo di sverminazione è disponibile solo su prescrizione veterinaria e deve essere rinnovato da 2 a 4 volte l'anno. Tutte queste cure preventive sono costose ma possono evitare costi di guarigione molto più alti in seguito. A seconda della formula scelta, un'assicurazione sanitaria per cani può prendersi cura di tutti questi costi preventivi.

Sfortunatamente, non possiamo impedire tutto e qualche volta durante le battute di caccia, i cani si feriscono o si infettano e si ammalano. Colpo di calore, punture di insetti, morsi di serpente, morbo di Aujeszky, ferite di selvaggina sono purtroppo comuni nei cani da caccia e spesso richiedono cure veterinarie. Ancora una volta, questa cura incorre in tasse che possono essere rimborsate se il vostro animale domestico è coperto da un buon cane da caccia reciproco. Informarsi consultando il nostro comparatore gratuito.