Incontro con Yaely, due educatori comportamentali canini in Lorena

In occasione dell'open house del loro centro, che si è tenuta il 3 giugno 2018, il team di YourPetsBestFriends.com ha incontrato i due fondatori di Yaely, Morgane Thomas e Audrey Frézé. Questi due giovani educatori-comportamentisti cinofili, appena decorati con il trofeo della Lorena per l'imprenditoria femminile, sono pieni di buone idee per il benessere dei cani. Audrey ci ha dato il piacere di rispondere alle nostre domande ...

Toutoupourlechien.com: puoi presentare Yaely?

Audrey Frézé: A Yaely, siamo specializzati in educazione e comportamento canino. La nostra azienda è stata creata nel 2016 da Morgane Thomas e da me, Audrey Frézé. Dal 2012 siamo stati educatori e comportamentisti canini. Ognuno di noi ha creato le nostre rispettive società in cui svolgiamo la nostra attività principalmente a casa e volevamo unirsi a noi nel 2016 perché avevamo un approccio comune al cane e agli stessi desideri. Così abbiamo aperto la nostra compagnia Yaely, situata nel parco forestale di Haye (a Velaine-en-Haye, in Meurthe e Moselle (54) - ndr) .

TTPLC: Perché un proprietario di cani può chiamarti?

AF: I proprietari vengono a trovarci per due motivi principali.

Preventivo in primo luogo, quando vogliono iniziare su buone basi con il loro cane in termini di educazione in generale, la gestione del cane ogni giorno. Nella prevenzione, possiamo anche lavorare sull'arrivo di un bambino. Sempre più persone ci chiamano quando Madama rimane incinta per assicurarsi che il rapporto sia sano e che il cane non possa sviluppare problemi comportamentali all'arrivo di un bambino. Ci chiamano anche per dare il benvenuto a un nuovo animale a casa, l'arrivo di un secondo cane o un gatto o, a volte, come parte di un cambiamento di vita, una mossa o altro per assicurati che il cane vivrà bene il cambiamento.

Poi, i proprietari ci chiamano anche quando ci sono delle difficoltà: quando le persone hanno un cane che non ritorna al richiamo, che si tiene al guinzaglio, che non ascolta nulla o per tutti i problemi di comportamento del cane, che è aggressività nei confronti di umani o congeneri, problemi di distruzione, impurità, abbaiare ... Nei comportamenti fastidiosi frequenti che spesso vediamo anche, sono anche i cani che si innescano sulle auto. I pastori sono cani molto alla moda e spesso vediamo questo problema su pastori australiani o border collie che iniziano a saltare sulle macchine. Tutti i comportamenti fastidiosi che i proprietari di cani affrontano quotidianamente possono essere contattati.

Proponiamo anche una gestione abbastanza specifica per i cosiddetti cani reattivi: sono i cani al guinzaglio che reagiscono fortemente ai congeneri e talvolta anche alla vista di un umano. Questo è un problema comune e, purtroppo, isola severamente i proprietari di case. Si dice spesso che il cane sia un vettore di collegamento sociale ma non appena il cane al guinzaglio diventa completamente incontrollabile, è il contrario: isola i proprietari. Abbiamo alcuni che sono costretti a portare a spasso il loro cane alle 23h quando non saranno sicuri di incrociare nessuno! Per questi cani, offriamo cure specifiche. Iniziamo con un'intervista casalinga, facciamo tre sessioni individuali di formazione e le integriamo poi in lezioni collettive dedicate ai cani reattivi. Lì, tutti i cani sono al guinzaglio e lavoriamo a grande distanza per fare un vero lavoro di desensibilizzazione. Lavoriamo con un massimo di 5 cani, due educatori. L'obiettivo è insegnare ai cani che hanno queste difficoltà ad attraversare i loro congeneri mentre gestiscono le loro emozioni per essere in grado di trovare una vita quotidiana confortevole e rassicurante.

TTPLC: più proprietari di cani ti chiamano come preventivo o risolvono un problema di comportamento già installato?

AF: Direi che è 50-50. Abbiamo molte persone che ci chiamano quando arriva un cucciolo o come parte di un'adozione di cani rifugio. Abbiamo anche persone che iniziano da sole e poi affrontano difficoltà.

L'età media dei cani per i quali siamo contattati corrisponde al periodo di pubertà, tra 8 e 12 mesi. Questo è spesso il caso in cui i comportamenti diventano fastidiosi se il cane non è stato gestito correttamente fin dall'inizio e se i proprietari non avevano una buona base.

TTPLC: Ma allora, vuol dire che non possiamo fare nulla per un cane oltre la pubertà o possiamo educare un cane a qualsiasi età?

AF: Possiamo educare un cane a qualsiasi età. In seguito, è un po 'come negli umani: qualcuno che passa la sua licenza a 60 anni può essere un po' meno reattivo di 18. Quindi possiamo lavorare con un cane qualsiasi quanti anni ci sono, ma ci sono comportamenti per i quali non andremo necessariamente a "infastidire" un cane anziano. Per esempio, se una persona viene a trovarci con un cane di 10 anni che non è socievole con i suoi coetanei e che non vuole avere contatti con i suoi coetanei e il suo padrone vuole andare per andare in gruppo a che il suo cane ha "amici", spiegheremo a questa persona che, da un punto di vista sociale, il carattere del suo cane è forgiato. Se il cane non vuole contatti, non varrà la pena di costringerlo in questo caso particolare. Siamo veramente rispettosi del cane e questo può accadere a noi per rifiutare alcune richieste o per spiegare ai proprietari che la loro richiesta non è necessariamente giudiziosa per il benessere del loro cane.

TTPLC: offri anche attività per cani divertenti oltre alle lezioni di educazione?

AF: Sì, ma voglio chiarire che l'addestramento del cane a casa è già molto divertente. Sia nelle lezioni individuali che di gruppo, ci concentriamo davvero sulla motivazione e il gioco . Il proprietario e il cane devono entrambi divertirsi. Le lezioni di gruppo si svolgono in un ambiente in cui i cani vengono rilasciati insieme: necessariamente, è molto giocoso! Può anche includere giochi come sedie musicali, tra le altre cose piuttosto belle.

Oltre a ciò, vi è anche agilità-tempo libero, uscite educative di gruppo o persino giochi olimpici canini. Sono giorni a tema in cui faremo gare di orientamento, escursioni, giochi divertenti ... L'obiettivo è che tutti si divertano, il cane come padrone.

TTPLC: Quindi proponi agilità. In che modo questa attività è interessante per il cane?

AF: Questa attività ha due interessi principali. Questo può aiutare a canalizzare il cane. Abbiamo cani che stanno scoppiando di energia e vanno in tutte le direzioni. L'agilità può aiutarli a imparare a concentrarsi dinamicamente. Questo è il primo interesse: imparare a fissare la sua attenzione, concentrarsi su qualcosa anche se è molto eccitato.

Il secondo interesse è per la fiducia in se stessi. Abbiamo cani che a volte sono un po 'timidi o hanno paure. Come negli umani, la pratica di un'attività sportiva può ripristinare la fiducia. Nel cane, lavorare sull'attraversamento degli ostacoli e superare se stessi lo aiuterà da un punto di vista emotivo a farlo evolvere positivamente, a renderlo più confortevole in tutte le circostanze.

TTPLC: l'agilità è praticabile con tutti i tipi di cani?

AF: A casa, l'agilità è un'attività aperta a tutte le razze ea tutte le età dei cani . Non siamo "specialisti in agilità" nel senso che proponiamo solo agilità, tempo libero e non competizione. D'altra parte, ci sono ovviamente regole di sicurezza da rispettare: ci sono ostacoli che non possono essere attraversati da cani di età inferiore a 6 mesi. Devi davvero andare al ritmo del cane. Che si tratti di un cane giovane o di un vecchio cane, non solleciteremo le sue articolazioni e andremo senza intoppi.

TTPLC: offri anche un servizio educativo di assistenza all'infanzia per cani? Cos'è?

AF: Abbiamo aperto una nuova attività a settembre 2017: l'asilo nido educativo. Questa non è la dog board, non c'è alloggio ma l'obiettivo è quello di offrire al cane una pausa durante la settimana. Giovedì mattina, le persone possono venire a farci scendere il loro cane tra le 7:30 e le 8:30 e riceverlo tra le 11:30 e le 12:30. È davvero un momento divertente, ricreativo e sociale per il cane . Per coloro che non vedono abbastanza congeneri o che non possono evolversi in libertà, permette loro di avere un tempo per sfogarsi fisicamente, avere contatti sociali e perfezionare un po 'la loro educazione. Durante l'asilo nido, faremo anche un po 'di lavoro senza sostituire il proprietario.

D'altra parte, accettiamo solo cani socievoli e ci riserviamo il diritto a un test. Non lasciamo mai un cane in un grande gruppo, ma andremo gradualmente. Se giudichiamo che sia positivo per il cane, continuiamo, ma in alcuni cani che hanno troppa paura dei loro congeneri, valuteremo il rapporto rischio-beneficio sull'evoluzione sociale del cane.

Per saperne di più su Yaely, visita la sua pagina Facebook o il suo sito web: www.yaely.fr.

- Intervista di Guylaine VANDEKERKHOVE -