Il mio cane è arrabbiato: cosa fare?

Il tuo cane è troppo sconvolto, non puoi calmarlo e questa situazione diventa ingestibile ogni giorno? Ci sono soluzioni e soprattutto spiegazioni che propongo di esporre qui. Dopo aver letto questo articolo, saprai perché il tuo cane si sta arrabbiando e soprattutto come calmarlo e permettergli di riguadagnare uno stato emotivo stabile.

Perché il mio cane è incazzato?

Prima di tutto, è importante spiegare il nervosismo del cane. La seccatura di un cane può provocare in generale un'eccitazione generale o talvolta anche un'aggressività .

Il punto è capire perché il tuo cane si arrabbia e per questo, è necessario porsi due domande principali:

  • Il mio cane è sufficientemente speso?
  • Quali sono i fattori scatenanti di questa eccitazione?

Questi sono i due punti di partenza per capire il nervosismo di un cane e quindi trovare soluzioni adeguate ed efficaci per risolvere il problema.

Il mio cane non sta spendendo abbastanza

In effetti, questo è uno dei motivi principali che possono causare un cane ad arrabbiarsi. I suoi bisogni di spesa non sono sufficientemente soddisfatti, quindi ha troppa energia che cerca di evacuare come può.

Non dimenticare mai che un cane ha 5 principali bisogni fondamentali di spesa da coprire, e questo il più regolarmente possibile: spese fisiche, spese olfattive, spese sociali, spese masticatorie e spese mentali.

Quindi, se il tuo cane non viene stimolato abbastanza e almeno uno o due dei suoi bisogni di base non vengono soddisfatti ogni giorno, il tuo cane può diventare rapidamente ingestibile semplicemente perché esternalizza la sua mancanza (s). in un modo incompatibile con una convivenza armoniosa con l'uomo.

Identificare gli elementi di innesco.

Per identificare la causa e l'elemento che innesca il problema, sarà ovviamente necessario osservare il cane ogni giorno, per cercare di identificare ciò che lo spinge a uno stato di eccitazione difficile da tollerare e gestibile per te.

Successivamente, dovresti anche osservare se il trigger innesca un'eccitazione "positiva o negativa" nel tuo cane.

Con questo intendo: questo eccita il tuo cane "felicemente" e alla fine diventa euforico o scatena un'eccitazione piuttosto ansiosa che può arrivare persino all'aggressività.

Perché il piano di lavoro sarà diverso! Infatti, se il tuo cane è euforico, vedremo dopo i consigli e consigli per calmarlo ed è tutto abbastanza semplice e coerente.

Tuttavia, se il tuo cane è veramente ansioso e questo lo mette in uno stato di fastidio che può arrivare fino all'aggressività, sarà imperativo capire il grilletto e proporre un lavoro attorno a questo elemento. Ma a mio avviso ciò sarà fattibile solo con l'aiuto di un professionista dell'istruzione e un comportamento canino che possa fornire un seguito regolare alla risoluzione del problema.

Come calmare il mio cane troppo arrabbiato?

Ecco i miei 8 consigli per calmare il cane se è troppo arrabbiato:

Suggerimento n. 1: come accennato in precedenza, dovrai osservare e identificare ciò che scatena il nervosismo del tuo cane. È un gioco in particolare, le interazioni con certe persone, l'arrivo degli ospiti a casa, un rumore, il fatto che tu parta, le partenze in giro, ecc.? ?

Suggerimento n ° 2: Una volta identificato questo elemento, dovrai aggirare questo elemento proponendo al tuo cane un lavoro di decondizionamento, un lavoro di assuefazione o immersione.

Ecco alcuni esempi:

  • Ad esempio, se il tuo cane è "innescato" dal suono della tua campana, non esitare a squillare regolarmente, senza attivare nulla semplicemente per abituare il tuo cane a sentire questo rumore senza di esso conseguenze.
  • Se il tuo cane viene attivato dall'arrivo degli ospiti, ad esempio, sarà necessario eseguire un tranquillo lavoro di ritorno (tramite il carrello, per esempio).
  • Se il tuo cane viene attivato da un particolare gioco (spesso giochi con la palla), limiterà i giochi lanciati o gli insegnerà a giocare rafforzando i suoi controlli.
  • Se il tuo cane viene attivato dalle giostre, imparerà che eccitazione = nessuna partenza, tuttavia, calma = partenza.

Suggerimento n. 3: Spendi il tuo cane abbastanza ogni giorno, per evitare di avere troppa energia per evacuare nel modo sbagliato (nei tuoi occhi).

Suggerimento n. 4: iniziare i contatti e in generale tutte le interazioni e le attività che intraprendi con il tuo cane. Deve capire che non spetta a lui decidere quando essere accarezzato, quando andare a fare un giro, quando giocare, ecc.

In molti casi, l'eccitazione nasce dalla richiesta del cane di prestare attenzione al suo maestro fallito. Adotta quindi un comportamento eccessivo per far reagire di più il suo maestro.

Questo consiglio è importante in tutti i casi, per tutti i cani (con o senza "problemi") semplicemente perché se non imparano a gestire la loro frustrazione, non appena hanno ciò che vogliono, essi entrerà in uno stato di eccitazione e frustrazione difficile da controllare.

Quindi, per essere parte dell'iniziativa, semplicemente ignorare il suo cane quando afferma un'interazione (non parlargli, non guardarlo o toccarlo) e poi chiamarlo e invitarlo a interagire, ma solo quando smette di reclamare.

Suggerimento # 5: avere sempre un atteggiamento coerente e non cedere al proprio cane non appena entra in uno stato di eccitazione. Se ti arrendi solo una volta, il tuo cane capisce che questo comportamento funziona per attirare la tua attenzione e farti reagire.

Suggerimento 6: Se ignorare il tuo cane e "resistere" a lui non è facile per te, ti invito a rafforzare le basi educative per controllarlo, prima senza stimoli e poi in più situazioni. stimolando dove il tuo cane è molto eccitato.

Per fare questo, sarà importante rafforzare le seguenti indicazioni:

  • Stop
  • sdraiati
  • Non muoverti
  • Al carrello

Queste indicazioni sono i cosiddetti comandi di ritorno calmi che ti permetteranno di chiedere all'istante al tuo cane di fare pressione. Quindi, naturalmente, queste indicazioni saranno possibili e particolarmente efficaci solo se vengono prima rinforzate in situazioni di base, senza particolari stimoli o stimoli.

Ad esempio, non dovrai portare il tuo cane nel cestino quando gli ospiti arrivano se, normalmente, senza ospiti, non conosce questa indicazione. Poi, aggiungo anche che questo consiglio sarà valido solo se, allo stesso tempo, il tuo cane è sufficientemente speso e non soffre di mancanza di spesa. Nel qual caso, puoi chiedergli cosa vuoi, non sarà in grado di avere una concentrazione sufficiente per cooperare.

Suggerimento # 7: rinforza anche l'autocontrollo del tuo cane offrendo sessioni di gioco divertenti ed educative . Vi invito a scoprire il nostro articolo che tratta questo argomento in modo più dettagliato. Ma, per riassumere, le sessioni di gioco devono consistere nell'eccitare il cane (con un giocattolo, la nostra postura, le nostre intonazioni di voce, ecc.) E poi calmarsi all'istante (raddrizzandosi, diventando immobile, avendo un altro fattoria, ecc.)

Suggerimento 8: Infine, non esitare a chiamare un professionista dell'educazione e dei comportamenti canini per essere in grado di risolvere il problema in modo coerente ed efficace avendo una visione più globale della situazione.

E sì, perché spesso tendiamo a voler solo correggere i sintomi di un problema e non la causa diretta. E aggiustando solo il sintomo e non il problema più profondamente, spesso torniamo allo stesso punto e il problema è riemerso ancora di più!