Il mio cane è malato: come usare l'assicurazione sanitaria del mio cane?

Il proprietario di un cane deve consultare il veterinario senza aspettare quando il suo compagno è malato.

Se perde tempo o passa troppo a lungo perché si apprende il costo degli atti veterinari, lo stato di salute dell'animale può peggiorare. Rinviare la consultazione veterinaria richiesta è anche ingiustificata dal momento che l'animale della salute reciproca rimborsa i costi della salute.

Cane malato: i segni che devono allertare

Il cane è un animale generalmente attivo, che divora il suo paté con un grande entusiasmo. Ma un maestro può improvvisamente scoprire che il suo fedele compagno è sconsolato, scontroso, o imbronciato nel camminare, si isola, si lamenta, si rifiuta di mangiare e bere, o al contrario beve molto. Qualsiasi comportamento insolito può presumere un problema di salute. Per essere sicuri, il master può controllare quanto segue:

  • Gli occhi: il biancore dell'occhio che diventa giallo non promette nulla di buono.
  • L'addome: elastico in un cane sano, può essere gonfio e duro in caso di problemi di trasporto.

Allo stesso modo, è molto utile monitorare la temperatura dell'animale. Normalmente, è tra 38 e 38, 5 ° C. Se è inferiore o superiore dimostra che l'animale non è al suo meglio.

Una visita al veterinario è essenziale. Solo questo professionista è in grado di fare una diagnosi. Può controllare l'urina del cane, le sue orecchie, il suo peso e anche assicurarsi che non ci sia zoppia quando cammina. Il veterinario cerca l'auscultazione del cane di possibili punti dolenti. Gli esami complementari come esami del sangue, radiografia, TAC e risonanza magnetica gli consentiranno di confermare o negare la presenza di una malattia che sospetta.

Cosa copre la copertura reciproca del cane?

Una volta che il proprietario ha firmato un contratto di mutua assicurazione per cani, può essere rimborsato in tutto o in parte per le spese veterinarie sostenute, sia per malattia che per incidente. Il tasso di rimborso dipende ovviamente dalla formula scelta. È compreso tra il 50% nel caso di una formula base e il 100% per un contratto di fascia alta. Nonostante i limiti di franchigia e di rimborso applicati da molte mutue per la salute degli animali, il proprietario che ha firmato un contratto consente al suo animale domestico di essere trattato senza il bilancio familiare, risultando quindi squilibrato. In effetti, le spese veterinarie sono così costose che non incoraggiano i proprietari a monitorare la salute dei loro animali. Ma si assumono il rischio che declina giorno per giorno.

Per stipulare una polizza assicurativa per il proprio cane è quindi la soluzione più ragionevole in quanto consente una gestione parziale o totale dei seguenti atti:

  • Servizi veterinari per malattia o infortunio: consultazioni, esami come analisi, imaging (radiografia, scanner, risonanza magnetica, ecografia), emergenze, medicinali, alcuni vaccini, chirurgia, ospedalizzazione, fisioterapia,
  • Medicina morbida,
  • Prevenzione: è essenziale proteggere il cane dai rischi di malattie o almeno minimizzare le conseguenze di una patologia. In molti casi viene concesso un pacchetto annuale dall'assicurazione per gli animali domestici: parassiticidi esterni come anti-zecche e anti-pulci, ridimensionamento, vaccinazione non obbligatoria, integratori alimentari, sverminazione, screening, controllo sanitario, sterilizzazione, ecc.

Assicurare il tuo animale domestico è offrirgli ogni opportunità di vivere più a lungo in completa tranquillità. Sarebbe un peccato trascurare la sua salute perché gli atti veterinari sono costosi. Infatti, una semplice analisi di laboratorio viene fatturata tra 60 e 100 €, una sterilizzazione fino a 350 o 400 €, un intervento può arrivare a 1 500 €. Tutte queste spese molto elevate possono essere prese in carico dalla salute reciproca del cane, in base al livello di copertura scelto all'abbonamento.

Come ottenere le tasse veterinarie rimborsate?

È essenziale presentare alcuni documenti al mutuo per i cani per riscuotere il rimborso parziale o totale delle spese veterinarie sostenute. I documenti giustificativi richiesti dalla compagnia di assicurazione sono i seguenti:

  • Il foglio di cura: prima di qualsiasi consultazione con il veterinario, il proprietario del cane deve scaricare e stampare questo documento essenziale per ottenere un rimborso. Il professionista completa la scheda di cura alla fine della consultazione e la consegna al padrone dell'animale. Lui stesso deve completare la parte riservata a lui.
  • Qualsiasi fattura emessa da un operatore sanitario e pagata,
  • La prescrizione (s).

Il padrone del cane deve inviare tutte le prove alla compagnia assicurativa. Al ricevimento, i documenti vengono controllati e viene effettuato il rimborso. Il periodo di rimborso applicato dalla maggior parte degli assicuratori animali è compreso tra 48 e 72 ore. Il proprietario del cane viene rimborsato fino al livello di copertura che ha scelto al momento della firma del contratto di assicurazione sanitaria per il suo cane.

È possibile il rifiuto di rimborso?

L'assicurazione per cani non rimborsa tutte le cure fornite a un animale. Ma il proprietario dell'animale viene informato delle condizioni dal momento dell'iscrizione.

A scopo informativo, le compagnie di assicurazione dell'animale domestico non rimborsano:

  • Atti veterinari eseguiti prima della fine del periodo di attesa.
  • Gli interventi estetici, alcuni di loro sono anche considerati barbari dagli assicuratori. Questo è ad esempio il caso di una procedura chirurgica per tagliare la coda dell'animale.
  • Cura relativa ai maltrattamenti da parte del padrone.
  • Cura relativa a una patologia dichiarata prima della data dell'abbonamento.

Tutte le esclusioni sono sempre specificate nei termini e condizioni. Si consiglia vivamente di leggerlo quando si sceglie l'assicurazione sanitaria per il tuo fedele compagno. Il proprietario ha l'opportunità, prima di decidere, di ottenere ulteriori informazioni contattando l'assicuratore telefonicamente.