La storia di Koko, il gorilla che parla

La storia di Koko, il gorilla che parla Immagine: www.avoir-alire.com/

Attraverso questo articolo La storia di Koko, il gorilla che parla, volevamo raccontarti una delle storie più commoventi che esistano tra un animale e un essere umano, oltre a renderti consapevole del grande massacro delle scimmie. Grazie all'incredibile amicizia tra una donna e un gorilla ora sappiamo per certo che l'Uomo non è l'unica creatura dotata di coscienza, la splendida avventura amichevole che Penny e Koko vivono è la prova, amico dall'inizio si conoscono da oltre 30 anni e si amano ancora. Un'avventura che è nata come semplice soggetto di studio, ma che alla fine è stata la fantastica storia di una comunicazione tra due specie.

Penny, la "Gorilla Foundation", Koko, Michael e Ndumey hanno bisogno di tutto l'aiuto che possono ottenere per sensibilizzare sul terribile massacro delle grandi scimmie. Il messaggio qui è che non siamo assolutamente diversi dalle grandi scimmie e la loro protezione dovrebbe essere una priorità per l'intera specie umana (come la protezione di TUTTI gli animali).

Potrebbe anche interessarti: la storia del gatto fortunato - Maneki Neko Index
  1. In che modo i guaritori definiscono Koko e Michael?
  2. L'inizio della storia:
  3. Come è andata a insegnare la lingua dei segni di Koko?
  4. Perché Koko è riuscita a imparare la lingua dei segni?
  5. La famiglia sta crescendo:
  6. I sentimenti sorprendenti di Koko:
  7. Incredibili abilità linguistiche di Koko:
  8. I diversi personaggi di Michael e Koko:
  9. Koko e Michael sono grandi pittori:
  10. Alla ricerca di una singola per Koko:

In che modo i guaritori definiscono Koko e Michael?

Sembra importante per noi iniziare questo articolo La storia di Koko il gorilla che parla di come Penny Patterson parla di Gorilla Koko e Michael in modo da capire che la ricerca dell'etologo Penny Patterson ci ha permesso di vedere cosa conteneva i cuori di questi primati così vicini a noi. Lo sapevi che condividiamo il 98% del materiale genetico del gorilla?

Caratteristiche utilizzate dal custode per descrivere Michael :

  • Sensibile.
  • Sviluppato un senso artistico Ama la musica classica e realizza bellissimi dipinti.
  • Stale.

Caratteristica utilizzata dall'assistente per descrivere Koko :

  • Giocoso, amore per impazzire.
  • Le piace mettersi in avanti.
  • Forte personalità
  • molto umorismo
  • molto testardo
  • Capricciosa.

L'inizio della storia:

Koko è nata il 4 luglio 1971 a San Francisco, in California, una ragazza piccola che è caduta molto rapidamente malata e ha dovuto trascorrere diversi mesi presso il vivaio dello zoo. Allo stesso tempo, colei che sarebbe diventata la sua migliore amica, Penny Patterson stava preparando un dottorato in psicologia alla Stanford University, era molto interessata a Koko. La prima intenzione di Penny era studiare Koko per poter ottenere rapidamente il suo dottorato di ricerca e passare a un nuovo argomento di studio, ma quello che non sapeva era che avrebbe sviluppato una vera amicizia con gorilla di bambino . Non sarebbe stata l'unica ad innamorarsi del gorilla, Ronald Cohn ha anche passato più di 25 anni della sua vita a documentare la vita di Koko, è grazie a lui che abbiamo tutte queste immagini assolutamente fantastico.

Il rapporto di una vita tra Koko e Penny ci ha permesso di avere un accesso diretto nello spirito di un'altra specie, Koko è il microfono, l'ambasciatore di tutti i gorilla, grazie a Penny lei è il ponte che permette alle nostre due specie di comunicare e quindi di comprenderci meglio.

Ti invitiamo a continuare a leggere il nostro articolo per scoprire la storia di Koko, il gorilla che parla .

L'inizio della storia: Immagine: nypost.com/

Come è andata a insegnare la lingua dei segni di Koko?

Per apprendere la lingua dei segni a Koko, Penny Patterson era inizialmente paziente e lo prese come un bambino . Giorno dopo giorno, gli mostrava i segni e li associava al loro significato, le prime parole che gli aveva insegnato erano "gorilla", "mangia", "bevi". A quel tempo Koko sorprese tutti con le sue incredibili capacità, in sole due settimane, lei aveva già capito il concetto del linguaggio dei segni ea 5 anni riuscì a padroneggiarne perfettamente 200 ! Se lo confrontiamo con un bambino di 5 anni, ci rendiamo conto che Koko ha finalmente un anno di ritardo! Inoltre, Koko ha un QI di 85, che è solo 15 punti sotto la media!

Perché Koko è riuscita a imparare la lingua dei segni?

Mentre la sua ricerca progrediva, Penny Patterson scoprì che i gorilla avevano già un linguaggio dei segni specifico per la loro specie, così il ricercatore si rese conto che stava solo costruendo su quella base esistente, eppure il linguaggio di i gorilla sono solo una dozzina di segni, mentre oggi Koko è in grado di firmare più di mille parole e lei capisce perfettamente l'inglese. Infatti, Penny e tutte le persone che si prendono cura di Koko hanno l'abitudine di firmare le parole mentre le pronunciano in inglese, quindi Koko capisce perfettamente l'inglese e l'unica cosa che gli impedisce di essere in grado di parlare sono le sue corde vocali non sono abbastanza sviluppate. In effetti, risulta che siamo gli unici primati dotati di parola perché le nostre corde vocali ci permettono. Dovrebbe essere chiaro che Koko ha imparato il linguaggio dei segni perché i guaritori gli hanno offerto questa alternativa, è esattamente la stessa dei bambini, nessun bambino sceglie di imparare una lingua, noi lo facciamo e basta .

La famiglia sta crescendo:

Dopo 5 anni di vita da solo con Penny, quest'ultimo annuncia a Koko che la " Fondazione Gorilla " accoglierà un nuovo gorilla di nome Michael. Una volta arrivato, Koko è molto deluso da Michael perché lo considera troppo "vecchio" (3 anni), si sente tradita e non tollera affatto questo nuovo arrivato. Si sta comportando allo stesso modo di un bambino che è geloso dell'attenzione che il suo fratellino / sorella sta ricevendo. Koko chiarisce a Penny che non le piace Michael, dopo settimane di lotte, i guaritori hanno deciso di lasciare che stabiliscano il loro conto. Li hanno rinchiusi insieme in un parco giochi, le prime ore erano solo liti ma dopo un po ', Koko e Michael hanno finalmente trovato un modo per andare d'accordo senza venire tra le mani, questo significa ? Il gioco ! Non ci rendiamo conto che il gioco è un criterio fondamentale di apprendimento, è una caratteristica che condividiamo con tutte le specie, le regole, il modo di comportarsi sono apprese giocando, Koko e Michael sono riconciliati attraverso il gioco è un comportamento che è stato considerato umano ma che viene da molto più lontano ... È importante a volte ricordare che siamo solo animali e Koko e Michael superare la barriera del linguaggio dimostra che non siamo così diversi l'uno dall'altro. Penny ha iniziato a insegnare la lingua dei segni di Michael, tuttavia, quest'ultimo mostra meno facilità di Koko per la lingua, tuttavia, in un anno, conosce ancora circa venti segni, il doppio di quello che i gorilla usano in la natura!

Dopo tre anni insieme, Koko e Michael erano troppo grandi per restare dov'erano, così tutta la famiglia si trasferì sulle montagne di Santa Cruz.

Ti invitiamo a continuare a leggere per conoscere la storia di Koko che parla il gorilla.

La famiglia sta crescendo: Immagine: http://www.koko.org

I sentimenti sorprendenti di Koko:

Dopo 10 anni di "studio", Penny e Koko sono diventati inseparabili, il famoso Koko non ha avuto alcun problema ad esprimere i suoi desideri e sentimenti. Le prime emozioni che Koko ha espresso chiaramente erano tristezza e gioia (risate), ha poi espresso la sua colpevolezza, Koko è incredibile, è in grado di esprimere sentimenti molto complessi con facilità sconcertante.

Il suo amore per i gatti:

Dal momento che la piccola Koko ha sempre amato le sconcertanti riviste, quando era piccola, il suo libro preferito erano i tre gattini, Penny gli leggeva dozzine e decine di volte. Per vedere come Koko avrebbe reagito con un gattino, Penny gliene diede uno, Koko sorprese tutti con la tenerezza con cui coccola questo piccolo essere così fragile. È Koko che ha dato il suo nome, il suo nome è "Boulette" (pensiamo che la chiamasse in quel modo perché era un gattino che non aveva la coda. Purtroppo una notte, un camion ha schiacciato "gnocchi", quando Penny ha spiegato cosa era successo al suo gatto, Koko era molto triste e dopo aver passato diverse ore insieme per confortare la sua amica di gorilla, Penny ha deciso di lasciarla sola . La disperazione di Koko era senza nome, i guaritori potevano sentirlo piangere e piangere dalla sua "stanza". Koko ha avuto esattamente la stessa reazione quando la sua amica Robin Williams è morta, ha attraversato un periodo di lutto.

La mobilitazione delle persone:

Koko era una vera star, il gorilla che poteva parlare era conosciuto e riconosciuto in tutto il mondo, infatti, di fronte alla sua immensa tristezza, molte persone si sono mobilitate e hanno inviato gattini a Koko per farle scegliere una nuova amico. Koko ha finito per adottarne uno nuovo che ha chiamato Smockey (fumo), stranamente anche questo gattino ha avuto la coda tagliata.

Il suo desiderio di partorire:

Un giorno, un'assistente di Penny era incinta, pochi mesi dopo è tornata alla " gorilla fundation " con il suo bambino tra le braccia, Koko si è ricordata di averla vista incinta. Non avendo alcuna educazione sessuale, Penny si è incaricata di spiegarle le cose e una volta che stavano guardando la TV, Koko ha espressamente detto a Penny il suo desiderio e la necessità di avere un bambino . A quel tempo Koko aveva un sacco di animali imbalsamati, tra cui aveva giocattoli di peluche gorilla ed è così che Penny guardava Koko imparare a gorilla animali di peluche, linguaggio dei segni, insegnò loro le prime parole che lei stessa aveva imparato, "Gorilla", "mangiare", "bere". Una delle speranze di Penny Patterson è che Koko insegni al figlio tutto ciò che sa e che la tradizione culturale di Koko sia trasmessa alla generazione successiva.

I sentimenti sorprendenti di Koko: Immagine: jack35.wordpress.com/

Incredibili abilità linguistiche di Koko:

Come abbiamo detto prima, Koko capisce perfettamente l'inglese e firma più di 1000 parole. Un'altra caratteristica assolutamente notevole di Koko è la sua adattabilità, infatti, quando non ha il vocabolario di cui ha bisogno per esprimersi, crea una nuova parola nel linguaggio dei segni. Ad esempio:

  • I guaritori chiamavano " Sfoglia " i crudité che le davano tra i pasti e Koko non conosceva alcun segno per esprimere il cibo tra i pasti, quindi con il pugno si toccò un sopracciglio che in inglese si dice " sopracciglia " che foneticamente porta un sacco di "Sfoglia" la parola che intendeva descrivere i crudité tra i pasti. Koko aveva creato un segno basato sulla fonetica per chiarire che voleva i crudités. Così, ha creato un ponte tra ciò che ha sentito (fonetica, suono) e ha cercato di farsi capire associando questo suono ai crudités con una parola che conosceva in inglese (sopracciglia) mentre lo traduceva nella lingua di segni!
  • Per essere compreso con maggiore precisione, Koko ha creato parole composte per dire "pennello", ad esempio ha detto "pettine per grattare". Ha inventato diverse parole usando questo processo, un anello è un dito braccialetto per esempio, una maschera è un occhio di cappello.
  • Koko ha anche adattato il linguaggio dei segni alle proprie capacità fisiche, non dimentichiamo che i gorilla non hanno un pollice come noi. Quindi ci sono segni che non possono realizzare, ma nulla fermerà la sete di comunicazione di Koko perché trasformerà i segni che non può fare fisicamente in qualcosa che possa essere realizzato per lei.

Attraverso lo studio del corpo delle parole usate, si sono resi conto che Koko e Michael hanno caratteri completamente diversi.

Nella prossima parte del nostro articolo La storia di Koko, il gorilla parlante, vedremo quali sono i personaggi dei nostri due amici di gorilla!

I diversi personaggi di Michael e Koko:

Koko è molto loquace e Michael loquace ma quest'ultimo ha ancora un pannello di oltre 500 segni per esprimersi. Michael è più solo, giocatore ed è un bellissimo gorilla argentato, in natura sarebbe sicuramente un maschio dominante. Per comprendere questa differenza tra i suoi due protetti, Penny chiese a Michael di sua madre, e quest'ultimo firmò le parole: " carne ", " gorilla ", " dente ", " pianto ", " rumore ", " problema ", " tagliare il collo ". Con questi segni, Penny è persuaso che Michael evoca un trauma della sua infanzia, il trauma di quando è stato catturato in Africa. In alcune parti dell'Africa, i gorilla vengono fatti a pezzi e tagliati sul posto perché la loro carne è una carne ricercata, quindi è possibile che la firma di Michael non spieghi di aver visto sua madre tagliata quando era molto piccolo. Il che spiegherebbe un po 'di più il motivo per cui sembra più riservato a se stesso.

Non dimentichiamo che l'obiettivo principale della " Fondazione Gorilla " è di sensibilizzare l'opinione pubblica sul macello animale, su YourPetsBestFriends ci sembra che la testimonianza di Michael sia il modo migliore per diffondere questo messaggio di pace tra le specie.

Koko e Michael sono grandi pittori:

Sin da quando erano molto giovani, Koko e Michael dipingevano, il primo lavoro di Michael era quello di rappresentare un cane di nome Apple che si divertiva a prendere in caccia, si faceva chiamare il suo dipinto, è un dipinto su cui possiamo vedere chiaramente il cane e il suo movimento . Michael è davvero un grande artista, i due gorilla hanno prodotto dipinti omonimi come " Amore ", " terremoto ", " uccello " ecc ... Sono in grado di dipingere ciò che sentono usano la simbologia, i loro dipinti sono stati esposti in una galleria d'arte per far conoscere ai visitatori le straordinarie abilità dei gorilla. I dipinti di Michael sono molto emotivi, occupano l'intero foglio e ha reso molti dipinti assolutamente belli, raccomandiamo di cercarli perché sono un'espressione della coscienza che vive in loro.

La foto ti abbiamo messo come immagine del famoso dipinto di Michael " Apple Chase ".

Koko e Michael sono grandi pittori: Immagine: antiquatedantiquarian.blogspot.

Alla ricerca di una singola per Koko:

Dopo molti anni, Koko non ha ancora un appetito sessuale per Michael, si chiede perché, ma capisce abbastanza rapidamente di discutere con Koko che c'è lo stesso tabù tra gli umani nei gorilla. In effetti, due gorilla che sono cresciuti insieme non possono accoppiarsi perché si considerano membri della stessa famiglia.

Così Penny andò alla ricerca di un maschio per Koko, selezionò i video di tutti i gorilla maschi singoli zoo in modo che Koko ne scegliesse uno. Il processo di selezione era piuttosto ovvio, anzi, se un gorilla gli piaceva, baciò lo schermo. Quando Ndumé apparve, Koko disse che era innamorata perché il suo cuore era pieno, voleva incontrarlo a tutti i costi .

Ndumé viene quindi trasferito alla fondazione di gorilla e si unisce alla piccola famiglia di gorilla che parla l'umano. Si scopre che il protocollo dei gorilla per l'accoppiamento è importante da rispettare, devono prima conoscersi giocando insieme in diverse gabbie, ma Koko ha insistito per incontrarlo immediatamente, spiegando che lei era innamorata. Koko entra nella gabbia, si girano, finché Koko non offre di giocare. Dopo diverse settimane, iniziò la loro relazione.

Da parte sua, Michael gioca nella sua gabbia, Penny ha iniziato a cercare un singolo gorilla . Nel frattempo i gorilla passavano il loro tempo giocando, rilassandosi e giocando. Dopo anni in cui si seducevano, erano insieme, Koko e Ndumé non avevano ancora avuto una relazione.

Perché non hanno ancora avuto una relazione?

In natura, è un gorilla maschio circondato da 10 femmine, Koko ha bisogno di un'altra donna con lei per sentirsi sostenuta. Penny ha paura di morire con Koko e vuole che Koko abbia la sua famiglia in caso le succedesse qualcosa, così ha deciso di parlargli. Ma senza il supporto di un altro gorilla, Koko ha meno probabilità di concepire. Sono passati 8 anni da quando arrivò Ndumé e non c'è ancora nessun bambino in vista.

Penny con la " Gorilla Foundation " spera che un giorno le specie animali possano vivere in pace e senza massacro, lottando per la sopravvivenza delle specie di gorilla. Koko, Michael e Ndumé sono come i suoi figli. Vivono ancora, Ndumé è diventato il migliore amico di Koko che non potrebbe procreare a sostegno di altri gorilla femmine, questa storia è tutt'altro che finita e auguriamo loro tutta la felicità del mondo.

Se la storia di Koko parla del gorilla che ti piace e vuoi saperne di più sulle grandi scimmie, ti consigliamo i seguenti link:

  • Tipi di gorilla
  • La forza dei gorilla
  • Uccidono un gorilla dopo che un bambino è caduto nella sua penna

Se desideri leggere altre storie come The Talking Gorilla di Koko, ti consigliamo di visitare la sezione Curiosità del mondo animale.