Tumori del cane

Un tumore è spesso una fonte di ansia per il proprietario di un cane che ne scopre uno sul suo animale. Eppure non tutti i tumori sono sinonimi di cancro ...

Cos'è un tumore nei cani?

Un tumore (o neoplasia) è definito come un aumento del volume di un tessuto o di un organo a causa della proliferazione anormale delle sue cellule.

Un tumore può essere visibile e palpabile quando si sviluppa su un tessuto superficiale (pelle, mammelle, cavità orale ...) o essere visibile solo con l'uso di mezzi di imaging se si sviluppa in profondità su un organo o tessuto interno (reni, polmoni, vescica, vasi sanguigni ...).

Tutti i tumori non sono cancerogeni. In realtà, ci sono due tipi di tumori :

Tumori benigni

I tumori benigni sono localizzati e circoscritti in un organo. Non invadono l'intero corpo perché non formano metastasi (non sono cancerogene). Il più delle volte, si accontentano di reprimere i tessuti vicini per il loro volume, senza invaderlo. Tuttavia, a seconda della loro posizione, possono essere talvolta fastidiosi o dolorosi o addirittura gravi se sono compressivi o ostruttivi alla luce di un organo (caso di tumori cerebrali o di cuore ...).

Alcuni esempi di tumori benigni riscontrati nei cani:

  • Lipoma: tumore sottocutaneo contenente cellule adipose,
  • Istiocitoma: tumore cutaneo,
  • Neoplasie delle ghiandole sebacee,
  • Osteoma: tumore osseo benigno,
  • fibromi
  • verruche
  • ...

Tumori maligni

I tumori maligni sono cancerogeni . Sono costituiti da cellule che crescono anarchicamente e sono in grado di diffondersi in tutto il corpo.

Tra i tumori maligni, la distinzione è fatta tra tumori primari nati a livello di un organo o tessuto e tumori secondari formati dalla migrazione nel flusso sanguigno di cellule tumorali derivate dal tumore primario. I tumori secondari corrispondono a metastasi del cancro.

Alcuni esempi di tumori maligni riscontrati nei cani:

  • Mastocitoma: tumore canceroso della pelle o degli intestini,
  • Carcinoma a cellule squamose: cancro che può colpire il sistema respiratorio, la pelle, le dita ... del cane
  • Linfoma: tumore maligno del sistema linfatico,
  • Sertolinomi e seminomi: tumori testicolari,
  • Emangiosarcoma: tumore canceroso che può colpire più organi e si sviluppa da cellule vascolari,
  • Insulinoma: tumore delle cellule pancreatiche responsabili della secrezione di insulina,
  • Osteosarcoma: tumore osseo lungo,
  • Condrosarcoma: un tumore osseo che si sviluppa dalle cellule della cartilagine,
  • ...

Come differenziare un tumore benigno da un tumore canceroso?

L'unica osservazione della forma, della posizione e del tasso di crescita di un tumore non consente in alcun modo di sapere se è cancerogena o meno.

Per sapere se un tumore è benigno o maligno, è necessario passare attraverso un'analisi istopatologica eseguita da un laboratorio veterinario specializzato. Può essere praticato solo da:

  • un campione di cellule del tumore ha chiamato una puntura . L'aspirazione dell'ago viene eseguita utilizzando un ago grande e molto fine, direttamente nel caso di tumori cutanei, o guidato da ultrasuoni nel caso di tumore su un organo interno. Questa procedura è praticamente indolore per l'animale, quindi raramente richiede sedazione o anestesia generale ... a meno che il cane non sia molto cooperativo o se il sito del tumore sia di difficile accesso.
  • o un campione di un piccolo pezzo di tessuto chiamato una biopsia . Questa tecnica richiede un'anestesia generale. La biopsia può essere eseguita contemporaneamente all'intervento programmato per rimuovere il tumore.

Se le analisi istologiche indicano un tumore canceroso, il veterinario continuerà gli esami effettuando una valutazione dell'estensione . Questa valutazione mira a determinare se il tumore canceroso si è diffuso nel corpo del cane e può includere esami del sangue, raggi X, ultrasuoni, risonanza magnetica o TC e altre biopsie. La valutazione dell'estensione aiuterà il veterinario a mettere in atto il trattamento più appropriato per il caso dell'animale malato.

Il tumore è l'unico sintomo del cancro nei cani?

No, potrebbero esserci altri segni clinici di cancro nei cani. Questi segni clinici possono:

  • essere non specifici, vale a dire assomigliare ad altri sintomi che si trovano in molte altre malattie come perdita di peso, mancanza di appetito, stanchezza ...
  • essere in contatto con l'organo colpito dal cancro. Esempio: zoppia in caso di cancro dell'osso, presenza di sangue nelle urine in caso di tumore della vescica, del tratto urinario o dei reni ...
  • risultato di fattori rilasciati dal tumore. Esempio: vomito e diarrea dovuti al rilascio di istamina da parte delle cellule tumorali in caso di mastocitoma ...

Questi segni clinici non sono sistematici e dipendono dallo stadio della malattia. Non appena si sospetta la presenza di un tumore nel suo cane, è quindi indispensabile consultare senza indugio un veterinario affinché possa eseguire un esame completo dell'animale. Nei casi di cancro, le probabilità di successo del trattamento sono ancora maggiori quando si prende cura precocemente.

Trattamento del tumore

Il trattamento del tumore dipenderà dalla sua natura benigna o maligna.

chirurgia

La chirurgia è lo strumento di scelta per il trattamento di tutti i tumori, benigni come maligni, se tuttavia la posizione e le dimensioni del tumore lo rendono possibile.

La chirurgia comporta la rimozione del tumore in anestesia generale da parte dell'animale. Questa procedura è chiamata escissione chirurgica del tumore.

Permette:

  • la guarigione dell'animale se il tumore è benigno o la sua remissione se il tumore maligno non ha ancora avuto il tempo di diffondersi nel corpo,
  • per alleviare l'animale se il tumore canceroso ha già metastatizzato.

La chirurgia può essere preceduta o seguita da altri trattamenti complementari come la radioterapia o la chemioterapia.

radioterapia

La radioterapia può essere utilizzata per trattare tumori benigni come tumori cancerosi. Consiste nell'irradiare le cellule tumorali con radiazioni ionizzanti al fine di distruggere le cellule anormali. Viene usato da solo in caso di tumori inaccessibili alla chirurgia o in aggiunta alla chirurgia o alla chemioterapia. Le sessioni di radioterapia richiedono che l'animale sia immobilizzato in anestesia generale e praticato solo in due centri in Francia situati a Maisons Alfort e Villeneuve d'Asq.

chemioterapia

La chemioterapia è una possibilità di trattamento di tumori cancerosi. Può essere usato in aggiunta ad altri trattamenti tumorali.

Consiste nel somministrare all'animale, mediante iniezioni o compresse, farmaci che causano la distruzione o l'arresto della moltiplicazione delle cellule cancerose . La chemioterapia è praticata solo nelle pratiche veterinarie autorizzate a somministrare questi trattamenti e richiede, ad ogni sessione, un ricovero in ospedale dell'animale di almeno 48 ore. Questo ricovero mira a raccogliere escrementi di cani e urine rese tossiche dal trattamento chemioterapico.

Questo trattamento, come quello della radioterapia, è lungo e costoso. Il suo costo, così come quello della diagnosi preliminare, può essere curato da un'assicurazione sanitaria sottoscritta per il vostro cane. Ma attenzione, gli assicuratori possono rifiutarsi di assicurare un animale vecchio o malato. È quindi meglio garantire il suo animale mentre è ancora giovane.

Medicina di erbe

Sempre più spesso, la medicina erboristica si posiziona come un trattamento alternativo ai trattamenti convenzionali dei tumori cancerosi presentati sopra. Può accompagnare i trattamenti convenzionali aiutando il corpo dell'animale a sopportare gli effetti di questi trattamenti pesanti o addirittura sostituire la chemioterapia e la radioterapia.

Possiamo prevenire la comparsa di tumori nei cani?

Sì e no.

Sembra difficile prevenire la comparsa di un tumore, sia benigno che maligno, poiché i fattori di rischio per l'insorgenza di tale lesione sono molteplici. Questi fattori possono essere interni (predisposizione genetica, mutazione di un disagio, ormonali ...) o esterni (agenti infettivi, cibo, esposizione a prodotti cancerogeni, trattamenti farmacologici ...). Molto spesso, le cause dello sviluppo del tumore non sono nemmeno conosciute.

Tuttavia, come negli esseri umani, sappiamo che uno stile di vita sano riduce il rischio di tumori cancerosi. Nel cane, questo comporta principalmente una dieta equilibrata e qualità e un regolare esercizio fisico per evitare il sovrappeso.

Sterilizzazione, un buon modo di prevenzione?

Nel cane, la sterilizzazione per la rimozione delle ovaie (ovariectomia) ridurrebbe l'incidenza dei tumori della mammella allo 0, 5% se fatta prima del suo primo calore . Gli effetti preventivi della sterilizzazione scompaiono se viene praticato dopo 2, 5 anni dalla cagna.

Quali cani sono maggiormente a rischio di sviluppare tumori?

Sfortunatamente, tutti i cani, di razza o ibridi, possono sviluppare tumori.

È vero tuttavia che:

  • alcune razze di cani sono geneticamente predisposti allo sviluppo di determinati tipi di tumori . Il golden retriever, il boston terrier e il pugile sono, ad esempio, razze predisposte per un particolare tipo di cancro chiamato mastocitoma. Quindi, prima di adottare un cane, e soprattutto se si desidera un cane di razza, informarsi sullo stato di salute dei cani dalla linea del cane che si desidera e sulle malattie ereditarie che sono noti influenzare il cane. gara che hai scelto. I nostri fogli di razza di cane ti aiuteranno.
  • i rischi di cancro aumentano con l'età del cane . Ma attenzione, ciò non significa che solo i cani anziani sviluppino tumori. Ad esempio, i tumori della pelle hanno la particolarità di sviluppare tanto nei cani giovani quanto in quelli più anziani.