Mastite nella cagna

La mastite è un'infezione delle mammelle che si verifica più spesso dopo il parto. Molto doloroso per il cane, sono molto pericolosi per la madre e per la salute dei cuccioli. A cosa dovrebbero? Come riconoscerli e cosa fare per trattarli?

Cos'è la mastite?

La mastite è un'infiammazione della mammella della cagna, la cui origine è un'infezione batterica .

La mastite può interessare una o più mammelle allo stesso tempo. Molto spesso, sono le mammelle inguinali della cagna - quelle che si trovano più vicine alle zampe posteriori - che sono colpite.

La mastite si verifica nella maggior parte dei casi dopo il parto. Solo il 2% delle mastiti si verifica nelle donne che soffrono di una gravidanza nervosa, chiamata anche pseudogestione.

A seconda della rapidità con cui viene posta la malattia, esistono due tipi di mastite: mastite acuta e mastite cronica.

A cosa servono le mastiti?

La mastite è un'infezione batterica di una o più ghiandole mammarie nella cagna. È favorito dalla ritenzione del latte nelle ghiandole mammarie, che consente la moltiplicazione dei batteri all'interno delle mammelle. Nelle mastiti acute, il tipo di batteri coinvolti è spesso uno stafilococco, mentre in caso di mastite cronica è più simile ai colibacilli o agli streptococchi.

La contaminazione batterica può provenire da:

  • dell'ambiente, quando la puttana ha partorito in condizioni insalubri o si sta evolvendo dopo la nascita in lettiera male mantenuta . La mastite può anche essere favorita dalla presenza di micro-traumi o piccole lesioni sui capezzoli della madre indotti dagli artigli o dai denti dei cuccioli durante l'alimentazione o da malformazioni dei dotti lattiferi.
  • del suo stesso sangue che poi trasporta i batteri da un'altra messa a fuoco infettiva endogena. La mastite può quindi essere una complicazione della metrite postpartum, una condizione di origine infettiva dell'utero in seguito ad aborto, ritenzione placentare o fetale o scarsa igiene del parto.

Mastite acuta della cagna: sintomi

La mastite acuta si verifica molto presto dopo il parto ed è manifestata da:

  • Infiammazione locale di una o più mammelle che sembrano essere relativamente dure, gonfie, calde, rosse e dolorose. Le mammelle inguinali (le più vicine alle zampe posteriori) sono più comunemente colpite, sebbene tutte le mammelle, comprese le tettarelle addominali e toraciche, possano essere infiammate.
  • Sintomi generali: la puttana viene massacrata, febbricitante, non nutre più, avverte disagio nei suoi seni e finisce per perdere interesse per la sua cucciolata di cuccioli,
  • Il colore del latte può essere cambiato in alcuni casi, ma non è sistematico. Può diventare giallo-verdastro-bruno-rossastro.

La mastite acuta non trattata può diventare cronica o evolvere in shock settico e / o diventare mastite gangrenosa, un'infezione acuta della mammella. Un ascesso e una cancrena si sviluppano poi sulla mammella. Queste complicazioni sono molto serie e mettono in gioco la vita del cane.

Mastite cronica della cagna: sintomi

A differenza delle mastiti acute, i cui segni clinici sono abbastanza visibili, la mastite cronica è una mastite che può passare completamente inosservata nella sua infanzia . Ad eccezione dell'indurimento indolore e indolore delle mammelle, la mastite clinica non manifesta alcun sintomo.

Sfortunatamente, finiamo col sospettare di uno quando i cuccioli non crescono normalmente e sono in cattive condizioni di salute o quando c'è una significativa mortalità all'interno della cucciolata.

Mastite della cagna: i rischi per i cuccioli

Quando un cane da allattamento ha la mastite, il rischio è che i cuccioli ingeriscano latte contaminato da batteri che infettano il seno della madre.

I cuccioli possono quindi soffrire di sindrome del latte tossico i cui sintomi sono:

  • l'aspetto di un ano viola "cavolfiore", un segno dell'infiammazione del loro intero apparato digerente,
  • diarrea,
  • reclami e vocalizzazioni.

L'infezione digestiva dei cuccioli può essere generalizzata nei quindici giorni successivi alla loro nascita nel contesto di una sepsi neonatale potenzialmente mortale per i giovani.

La diagnosi di mastite

La diagnosi di mastite da parte di un veterinario è di:

  • un esame clinico per osservare i sintomi apparenti nel caso di mastite acuta,
  • un'analisi batteriologica sul latte della femmina,
  • un ultrasuono uterino per cercare una possibile metrite, l'obiettivo della contaminazione primaria.

Il trattamento della mastite

Il trattamento della mastite si basa principalmente sulla somministrazione di antibiotici alla cagna per combattere l'infezione e, eventualmente, su un altro trattamento specifico se la mastite è associata a una metrite.

A livello locale, possono essere applicate compresse fredde su mammelle infiammate per ridurre l'infiammazione. Se la mastite è ascesso e cancrena, sono impacchi caldi che verranno applicati per maturare l'ascesso. Se la perdita di tessuto è significativa, può essere necessario un intervento chirurgico per chiudere la ferita.

I cuccioli dovrebbero essere rimossi dall'allattamento se c'è il sospetto di sindrome del latte tossico, se gli antibiotici somministrati al cane sono controindicati nei neonati o se la mastite si sviluppa in mastite ascessita. In questo caso, il cane sarà prosciugato da un trattamento farmacologico. I cuccioli saranno nutriti con la formula o affidati a un altro cane da latte.

Se il veterinario sceglie di lasciare i cuccioli alla cagna con la mastite, allora deve essere assicurato che i cuccioli non si allattino al seno colpito.

Prevenzione della mastite nella cagna

Per prevenire l'insorgenza di mastite, è innanzitutto necessario seguire buone pratiche igieniche durante la nascita del cane e mantenere lo strato durante l'allattamento al seno per garantire al cane un ambiente pulito.

Quindi, è possibile smussare gli artigli dei cuccioli per limitare i micro-traumi del seno che si verificano durante l'alimentazione e sono noti per promuovere la mastite e radere i capelli della madre attorno al suo seno. Assicurarsi inoltre che tutti i capezzoli del cane siano allattati dai cani per evitare la ritenzione del latte in uno di essi.