Mammiferi in pericolo

Mammiferi in pericolo

Oggi molte specie animali e vegetali sono a rischio di estinzione. La pressione umana sugli habitat naturali degli animali ha gravi conseguenze.

Il disboscamento sistematico, l'inquinamento idrico e le fattorie frammentano le aree di distribuzione di diverse specie. Rendiamo difficile la riproduzione isolando le comunità e riducendo la loro caccia naturale.

In questo articolo di YourPetsBestFriends, parleremo di mammiferi che sono in pericolo di estinzione . (I mammiferi sono animali che danno alla luce i loro piccoli e li allattano).

Potrebbe anche interessarti: l'indice 7 Strangest Sea Animals in the World
  1. Animali in via di estinzione: lista rossa
  2. I mammiferi del mondo
  3. Mammiferi in Francia

Animali in via di estinzione: lista rossa

L' UIC, l'Unione internazionale per la conservazione della natura, redige regolarmente la lista rossa delle specie in via di estinzione. Questo elenco include tutte le specie animali e vegetali che sono minacciate di estinzione in tutto il mondo.

Con i dati in questo elenco, possiamo vedere la perdita di biodiversità che si verifica a livello globale. I mammiferi sono uno dei gruppi con le specie più a rischio. La caccia e la distruzione dell'habitat sono i loro principali nemici.

Esistono diverse categorie della lista rossa:

  • OFF (EX)
  • Estinto in natura (EW)
  • Pericolo critico di estinzione (CR)
  • In via di estinzione (EN)
  • Vulnerabile (VU)
  • Vicino minacciato (NT)
  • Least Concern (LC)
Animali in via di estinzione: lista rossa

I mammiferi del mondo

Oggi molte specie soffrono di pressione umana. La distruzione delle foreste e degli ambienti naturali, l'inquinamento delle acque e l'impoverimento del suolo contribuiscono tutti agli effetti delle diverse specie.

Negli ultimi decenni, molte specie sono scomparse. Alcuni esempi sono l'orso grizzly messicano, il lupo delle Falkland o il leone del Capo. Un'eccessiva caccia allo sport o per altri scopi pone fine a molte specie nel secolo scorso.

Per questo motivo, è importante essere consapevoli dell'effetto dell'azione umana su tutte le specie del mondo animale.

Parleremo poi di diversi mammiferi nel mondo che sono attualmente in pericolo o vulnerabili.

Il gorilla di montagna ( Gorilla beringei beringei )

I gorilla sono ora divisi in due specie e questi a loro volta hanno due sottospecie. Questi sono il gorilla occidentale, il gorilla orientale, il gorilla di pianura occidentale e il gorilla di montagna. Gli ultimi due sono in grave pericolo di estinzione.

Il gorilla di montagna ha solo circa 700 esemplari distribuiti principalmente nei parchi nazionali dell'Africa centrale. La guerra e l'instabilità nella regione li stanno danneggiando seriamente. Sono vittime del bracconaggio e sono affetti da malattie umane. Sono molto intelligenti e sociali e un maschio adulto vive di solito con diverse femmine. A volte, diversi maschi possono coesistere nella stessa comunità.

I mammiferi del mondo

La tigre di Sumatra

La tigre di Sumatra ( Panthera tigris sumatrae) è una tigre in pericolo di estinzione che vive sull'isola di Sumatra nell'arcipelago indonesiano. È la più piccola delle tigri, la sua pelliccia è più scura e con linee più strette. È un eccellente nuotatore e cacciatore. Altre due specie di tigri indonesiane, la tigre di Java e la tigre di Bali, scomparvero durante il XX secolo.

Attualmente, si stima che la sua popolazione sia di circa 500 esemplari, distribuiti in vari parchi e riserve in libertà e in cattività. Sfortunatamente, il bracconaggio e il commercio di pelli rimangono un problema per queste tigri. Inoltre, la frammentazione delle loro popolazioni e la perdita del loro habitat naturale li costringe a ritirarsi in piccole aree.

Il rinoceronte nero

Il rinoceronte nero (Diceros bicornis) vive nella savana africana. Si distingue dal rinoceronte bianco per il suo colore e le sue dimensioni più piccole. Si nutre di arbusti e piccoli alberi. La sua bocca è anche diversa da quella del rinoceronte bianco, ha una forma di prensile prensile adattata alla sua dieta.

Il rinoceronte, e in particolare il rinoceronte nero, da decenni subiscono molestie e pressioni da parte dei cacciatori per le loro corna. Attualmente, anche se è una specie protetta e la sua caccia è vietata, il loro numero è molto basso. Potrebbero essercene alcune migliaia in natura.

Oltre al bracconaggio, un altro problema che affrontano è la consanguineità . A causa del numero ridotto di esemplari, le croci tendono a verificarsi tra individui correlati. Ciò causa la perdita della diversità genetica e danneggia questa specie.

L'ippopotamo nano

Questo piccolo ippopotamo (Choeropsis liberiensis) vive nelle paludi e nelle foreste dell'Africa. Come il normale ippopotamo, il nano è semi-acquatico. Rimane vicino all'acqua per mantenere l'umidità della sua pelle.

Sebbene l'ippopotamo viva in un gruppo, l'ippopotamo nano è più solo, spesso vive da solo o con un compagno. Sono animali erbivori e entrano nel bosco in cerca di cibo.

Si ritiene che siano stati rilasciati meno di 3.000 esemplari, ma possono essere trovati anche negli zoo. Secondo UINC, è in pericolo . La principale minaccia che devono affrontare è la distruzione del loro habitat. Altre specie di ippopotamo nano esistevano nel Mediterraneo durante il Pleistocene. Ad esempio, sull'isola di Malta o Cipro.

Mammiferi in Francia

In Francia, ci sono diverse specie che sono in pericolo o minacciate di estinzione.

In questa parte, presenteremo tre delle specie più a rischio nella Francia metropolitana.

È importante proteggere queste specie perché sono i mammiferi più grandi e rappresentativi della penisola.

Mammiferi in Francia

La lince boreale

Lince lince

La lince boreale, la più grande dei felini europei, trova rifugio in ambienti prevalentemente forestali che lo favoriscono. In Francia, scomparve dalle pianure del Medioevo e delle principali montagne nel diciannovesimo secolo, a causa della deforestazione, della forte pressione venatoria e dell'esaurimento delle sue prede (principalmente ungulati selvatici). È poi riapparso nelle Alpi e nel Giura, dove è arrivato spontaneamente dalle popolazioni svizzere reintrodotte negli anni '70 e nel massiccio dei Vosgi grazie a un programma di reintroduzione iniziato nel 1983. Le specie molto la lince adulta di solito ha una casa da 200 a 300 km2. Ma questa specie ha ancora una distribuzione ridotta in Francia, a causa di una forte frammentazione dei complessi forestali dovuta all'urbanizzazione e alle aree coltivate. Questa frammentazione riduce notevolmente le possibilità di dispersione e lo scambio di individui tra i diversi nuclei di popolazioni. Il numero di linci rimane molto basso in Francia, meno di 150 adulti. Il traffico stradale e ferroviario è la principale causa di mortalità delle specie, che colpisce principalmente i giovani. E a causa della sua occasionale predazione sulle pecore, la lince è una vittima del bracconaggio, che è ancora una delle principali minacce alla sua sopravvivenza in Francia.

Immagine: http://uicn.fr

Lo stambecco alpino

Capra ibex

Un europeo endemico dei massicci alpini, lo stambecco alpino è un animale sedentario che frequenta principalmente ambienti rocciosi. Minacciato una volta a caccia, è quasi scomparso dal territorio francese nel 19 ° secolo. Grazie ad un regolamento di caccia nella Riserva Reale del Gran Paradiso in Italia, che divenne Parco Nazionale nel 1922, ritornò spontaneamente al Massiccio della Vanoise, dove la creazione del Parco Nazionale nel 1963 gli permise di mantenere specie, diventano emblematici.

La creazione di territori protetti e la realizzazione di molte operazioni di reintroduzione nelle Alpi francesi fanno sì che lo stambecco alpino sia presente oggi in diversi dipartimenti dell'arco alpino (Alta Savoia, Savoia, Isère, Drôme, Hautes Alpi, Alpes de Haute-Provence, Alpes Maritimes).

Tuttavia, questa specie è ancora lontana dall'occupare tutti gli ambienti favorevoli del massiccio. Oltre a una rara predazione del lupo e della lince, lo stambecco alpino è suscettibile a molte patologie che possono influenzare la dinamica delle sue popolazioni.

Fonte : http://uicn.fr

Il grande nottule

Nyctalus lasiopterus

Rappresentando la più grande specie di pipistrello presente in Europa, la grande noctule è ancora poco conosciuta e molto poco osservata viva nel suo ambiente naturale. Anche se si sviluppa su una grande metà meridionale del paese, è ora raro in Francia. Una volta confusi con la comune Noctule, più piccoli, i misteri rimangono sul suo comportamento e sulla sua effettiva forza. Uno studio spagnolo, tuttavia, ha dimostrato che il Notturno Notturno è stato in grado di catturare uccelli in volo durante il suo periodo di migrazione notturna e consumarli senza sbarco, rendendolo l'unico pipistrello europeo con questa abilità.

Poiché la specie vive nelle cavità degli alberi cavi, l'alterazione dell'ambiente e la scomparsa dei boschi maturi, e quindi dei suoi potenziali depositi, influenzano le sue popolazioni.

Un'appropriata gestione delle aree forestali è quindi essenziale per il mantenimento delle popolazioni esistenti e la colonizzazione di altre regioni da parte delle specie.

Fonte : http://uicn.fr

Se desideri leggere altri articoli simili a Mammiferi in via di estinzione, ti consigliamo di visitare la sezione Animali in via di estinzione.