Cibo per cani a freddo

Le crocchette spremute a freddo sono un'alternativa di qualità migliore rispetto alle crocchette "classiche"? Facciamo il punto ...

Crocchette pressate a freddo ... che cos'è?

La stragrande maggioranza delle crocchette vendute sul mercato oggi sono crocchette estruse. Si tratta di alimenti che vengono passati attraverso una macchina chiamata estrusore. Una sorta di "pentola a pressione" industriale, questa macchina consente di aumentare la pressione e la temperatura della materia prima per cucinarla e trasformarla in crocchette. Il vantaggio di questo processo è che pulisce il prodotto eliminando eventuali batteri cattivi presenti nella materia prima e cuocendo l'amido presente nelle crocchette (e quindi per renderlo più digeribile) ma ... ha anche i suoi svantaggi.

Il principale svantaggio di questo processo di produzione è che comporta il riscaldamento degli ingredienti ad alta temperatura. E questo riscaldamento riscaldato è accusato di:

  • distruggere molti micronutrienti come le vitamine che devono poi essere reintrodotti dopo la fase di cottura dell'estrusione usando additivi più o meno naturali secondo i produttori,
  • per ridurre la digeribilità delle proteine,
  • essere all'origine della formazione di acrilammide, un composto sospettato cancerogeno,
  • produrre un cibo "sterile" privo di batteri cattivi e che sia comunque utile per colonizzare l'intestino dell'animale (cioè per costituire il suo "microbiota").

Di conseguenza, le crocchette pressate a freddo sono spesso presentate come un'alternativa più salutare a queste crocchette estruse.

Come indica il loro nome, non sono più fabbricati utilizzando un estrusore ma su una pressa a una temperatura inferiore a quella applicata negli estrusori : 50 ° C massimo per crocchette pressate a freddo contro 90 ° C minimo per crocchette estruse (ma le temperature possono aumentare più in alto).

In effetti, premere le crocchette non è un nuovo processo sviluppato per presentare un'alternativa all'estrusione. È invece il metodo di produzione delle crocchette "ancestrali" (se possiamo dire ...) che esistevano prima dell'uso dell'estrusore.

Quindi ... crocchette pressate a freddo è davvero meglio?

Come altre crocchette, le crocchette spremute a freddo sono fatte con materie prime a base di carne e una fonte di amido (cereali, patate o legumi) che funge da legante.

In crocchette pressate a freddo, poiché la temperatura di cottura non supera i 50 ° C, ciò implica necessariamente che:

  • i produttori devono trovare alternative alla coppia alta pressione / temperatura per disinfettare le materie prime di carne prima che diventino parte del mix di crocchette. I produttori non hanno altra scelta che usare le farine di carne, cioè la carne che sta ancora subendo una fase di cottura preliminare al fine di disidratare le materie prime. Per quanto riguarda l'estrusione, la cottura della carne induce una reazione chimica chiamata reazione di Maillard che altera la struttura chimica delle proteine ​​e la loro digeribilità in transito,
  • anche le fonti di amido utilizzate nella composizione delle crocchette spremute a freddo devono essere cotte in anticipo, altrimenti il ​​rischio di non essere sufficientemente digeribili dal cane. Sì, per l'amido, è il fenomeno opposto alle proteine ​​della carne che si verificano: meno è cotto, meno è digeribile per il cane, mentre per le proteine, meno sono cotti, più sono digeribili,
  • i produttori impongono all'utente una conservazione delle crocchette al fresco e una shelf life più breve (in relazione alla temperatura di cottura "inferiore" che non "sterilizza" il prodotto finale e un'umidità spesso superiore a quella del prodotti estrusi) o aggiungere altri conservanti.

D'altra parte, poiché le crocchette spremute a freddo non vengono estruse, non si gonfiano tanto quanto altre crocchette nello stomaco del cane.

È quindi difficile commentare la superiorità nutrizionale delle crocchette pressate a freddo sulle crocchette estruse, soprattutto perché i produttori di estrusori lavorano costantemente per migliorare la digeribilità delle proteine ​​nei loro prodotti. È anche una delle sfide dei dipartimenti di ricerca e sviluppo industriale che svolgono bene il loro lavoro.

Non dovrebbe quindi mai generalizzare perché nella famiglia delle "crocchette pressate a freddo" come in quella delle "crocchette estruse", quindi ci sono sicuramente diversi livelli di qualità ... spetta al consumatore provare a decifrare. Un compito particolarmente difficile perché non è sempre facile distinguere tra argomento di marketing e informazioni nutrizionali affidabili.