I cani da macellaio

Le larve degli acari vivono nell'erba, i peperoni sono parte dei parassiti esterni del cane in cui provocano forti pruriti. Come riconoscerli? Come fai a sapere se il tuo cane è stato morso dai trombotici? Quali sono i trattamenti efficaci per alleviare il tuo cane? Come sbarazzarsi dei pulcini? Vi diciamo tutto ...

Augustats nei cani: descrizione e metodo di contaminazione

Cos'è un agosto?

Augusta è la larva di un acaro chiamato Trombicula autumnalis . È da questo nome scientifico che il termine " trombiculosi" si riferisce all'infestazione del cane da parte dei chiggers. Agostino è anche conosciuto con altri nomi di neotrombicule, triglie, purè, trombidium, mietitura o persino mietitura.

Augusta è una piccola larva arancione a sei zampe . Viene spesso confuso con la Silky Trombidion ( Trombidium holosericeum), un grande acaro rosso che misura fino a 5 mm e che viene spesso visto correre su pareti e terrazze in estate. A differenza di quest'ultimo, l'Augusta è più difficile da vedere perché misura in media tra 0, 2 mm e 0, 4 mm di lunghezza .

Augustat vs trombidie setosa

L'acaro ha bisogno, durante la sua fase larvale, di nutrirsi sulla pelle di animali a sangue caldo che parassita solo temporaneamente. Come un istiopago parassita, il falco perfora la pelle del suo ospite con i suoi ganci per iniettare la saliva contenente gli enzimi responsabili della liquefazione e della predisposizione delle cellule dell'epidermide. Quindi è sufficiente aspirare i fluidi tissutali per nutrirsi. È questa saliva responsabile di lesioni cutanee visibili nei cani in caso di infestazione da chigger ma anche prurito.

La larva trascorre in media solo 2 giorni sul suo ospite per nutrirsi. Alla fine di questo breve periodo, la larva ritorna a terra per continuare il suo sviluppo nella ninfa e poi nell'acaro adulto. Ninfe e adulti non hanno più bisogno di nutrirsi con un ospite a sangue caldo: sono quindi innocui per i cani.

Come può il mio cane prendere i peperoni?

Le femmine di trombicula autumnalis giacciono nel terreno, nelle aree erbose, così che le larve che escono dall'uovo circa dieci giorni dopo la deposizione possono infestare i cani per contatto diretto con l'erba .

Il picco di contaminazione da parte dei chiggers si estende generalmente da fine luglio ai primi 15 giorni di settembre nella Francia metropolitana, sebbene questo periodo possa variare a seconda delle condizioni climatiche e climatiche. È anche da questo periodo estivo in cui la contaminazione è al suo apice che le larve dell'acaro prendono il nome comune di Augustat. A volte l'infestazione si verifica in primavera se la stagione è particolarmente calda. È probabile che tutte le regioni francesi vedano la crescita dei peperoni durante l'estate, ma queste larve graffianti sono più frequenti in certe regioni come l' Alsazia .

I pulcini sono trasmissibili agli umani?

No, i chigger presenti sul tuo cane non verranno su di te. D'altra parte, gli umani possono "catturare" i chigger nello stesso modo in cui i cani li catturano: per contatto con erba contaminata. I sintomi sono poi identici a quelli del cane: i brufoli che pruriscono enormemente anche dopo la partenza delle larve e generalmente situati nelle pieghe dove la pelle è più sottile (gomiti, polsi, ginocchia, polsi, ascelle ...) o in luoghi dove i vestiti sono stretti da un elastico che consente il contatto stretto e prolungato della larva con la pelle. Quindi, anche se la tentazione è ottima, evita di sdraiarti sull'erba fresca in estate senza una coperta o un asciugamano per proteggerti dal pungiglione di queste piccole larve.

Apparizione di morsi di chigger negli umani

Morsi di chigger sugli umani (dopo 3 giorni)

Augustats nei cani: sintomi

Aspetto e posizione dei morsi di molluschi nei cani

I pezzi di peperone sono sotto forma di piccole macchie arancioni nel centro del rosa, pulsanti leggermente rialzati chiamati papule . A volte, l'agosto potrebbe aver già lasciato il suo ospite e vedremo solo le papule sulla pelle del cane senza le macchie arancioni nel loro centro.

I chiggers preferiscono mordere alcune zone del corpo, specialmente quelle che sono più a contatto con l'erba e dove la pelle del cane è più sottile: spazi interdigitali ( pelle tra le dita), interno coscia, piega dell'inguine, zona anale o genitale, orecchie, pancia ...

Le lesioni causate dai morsi dei trombetti sono molto pruriginose, cosicché il cane ferito graffia, mordicchia e / o lecca molto . Il prurito può persistere anche dopo aver morso le larve hanno lasciato il cane e possono causare lesioni cutanee.

Possibili complicazioni

In Francia, i peperoni non sono vettori di malattie infettive o parassitarie a differenza di altri parassiti esterni come zecche o pulci.

D'altra parte, gli effetti del pungiglione di Augusta possono essere aggravati da una reazione allergica del cane che causa attacchi di prurito molto gravi.

Il prurito e il fenomeno del raschiamento ad esso associato possono anche essere la causa di infezioni secondarie batteriche che richiedono necessariamente una consultazione veterinaria.

Augusta nei cani: trattamento convenzionale e trattamento naturale

In caso di infestazione del cane da parte di chigger, il suo trattamento consisterà in:

  • Lenire prurito

È essenziale curare il cane per alleviare il prurito al fine di spezzare il circolo vizioso di raschiare-che-mantiene-prurito, evitare la formazione di graffi sulle ferite e limitare il rischio di sovrainfezioni batteriche.

Il veterinario può prescrivere un trattamento con corticosteroidi . Questo tipo di medicina ha la proprietà di rimuovere rapidamente la sensazione di prurito diminuendo l'infiammazione causata dai morsi di chiggers. Questo tipo di farmaco può anche essere prescritto in caso di allergia al morso di chiggers.

In aggiunta o in sostituzione di questo trattamento convenzionale, ci sono soluzioni naturali per alleviare il prurito.

Crea una miscela fatta in casa di idrosol di elicriso italiano, menta piperita alla camomilla romana e lavanda con parti uguali. Quindi, spruzzare questa soluzione 3 volte al giorno localmente sulle zone pruriginose. Questa miscela di acque floreali ha proprietà lenitive e anti-infiammatorie e ha il vantaggio di non presentare controindicazioni o effetti collaterali .

In caso di massicce infestazioni con grave prurito, è possibile completare questo trattamento con la somministrazione di rimedi omeopatici : Apis Mellifica 4CH e Rumex Crispus 4CH al tasso di 3 granuli di ciascuno dei rimedi 3 volte al giorno fino a il prurito si calma.

  • Elimina i parassiti

Oltre al trattamento sintomatico che ha lo scopo di alleviare il prurito, è indispensabile istituire un trattamento per sbarazzarsi delle larve pungenti ancora presenti sul cane ... senza le quali il prurito lenitivo sarà di breve durata.

Per fare questo, non esiste soluzione più efficace dell'applicazione di un prodotto veterinario per il controllo dei parassiti per uso esterno sul cane. Questi insetticidi possono uccidere le larve rimanenti sulla pelle del cane e prevenirne la reinfestazione. In generale, tutti i prodotti per la lotta contro i parassiti che sono efficaci contro altri parassiti esterni (come Frontline e Co.) sono anche efficaci nell'eliminazione dei trombotici. Preferisci pipette o spray che abbiano un'efficacia a lungo termine agli shampoo antiparassitari che non hanno alcuna rimanenza (eliminano il parassita presente sul cane ma non impediscono il ritorno). Il trattamento può essere lungo

  • Trattare eventuali complicazioni

Se compaiono delle complicazioni come una superinfezione batterica, il veterinario si concentrerà ovviamente sul trattamento con antibiotici .

Prevenzione dell'infestazione del cane da parte dei chiggers

Scommettere sulla prevenzione per evitare che il cane venga punito dai peperoni d'estate è ancora il migliore.

Per fare questo, proteggete il vostro cane dai parassiti esterni trattandolo regolarmente con un prodotto veterinario di controllo dei parassiti (lo stesso prodotto come nel caso di un'infestazione elencato nella sezione sull'eliminazione dei parassiti). Questo tipo di prodotto è molto efficace contro i chigger e altri ectoparassiti, ma contiene insetticidi e acaricidi relativamente tossici. La sua applicazione sul cane deve quindi essere seguita da misure precauzionali per proteggere l'ambiente, l'animale e i suoi proprietari.

È anche possibile rendersi un repellente naturale contro i chigger .

In un flacone spray contenente 100 ml di acqua, aggiungere 2 ml di shampoo pH neutro e 2 ml di chiodo di garofano, Timo linalolo, Niaouli, foglia di cannella e Palmaros a. Mescolare mentre si agita lo spray per omogeneizzare bene la miscela e quindi spruzzarla sul mantello del cane prima della camminata a rischio o una volta alla settimana durante l'infestazione. Ricordarsi di emulsionare la miscela prima di ogni spruzzatura. Attenzione, questa miscela non deve essere usata su cagne gravide o in allattamento, cuccioli appena svezzati o su gatti. Tieni presente che questa soluzione naturale sarà efficace solo per respingere i parassiti ma non li ucciderà se sono già sul cane.

Infine, evita il più possibile le aree in cui crescono i chigger con il tuo cane durante il periodo di rischio: campo o praterie, aree erbose bagnate lungo il torrente ... Se hai un giardino, falciare regolarmente e raccogliere l'erba per eliminarla in discarica per limitare la proliferazione di queste larve mordenti.

Crediti immagine:

  • Augustat (Trombicula autumnalis) al microscopio: da Tib124 (Opera propria) [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) o CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/ by-sa / 3.0)], via Wikimedia Commons
  • Silky Trombidion: By André Karwath aka Aka (Opera propria) [CC BY-SA 2.5 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5)], via Wikimedia Commons
  • Morsi di Chigger (dopo tre giorni): di Jerome Z. (Opera propria), tramite Wikimedia Commons