Il mastocitoma del cane

Il mastocitoma è una forma abbastanza comune di cancro della pelle nei cani. Quali sono i segni? Come viene diagnosticato? Quali sono i possibili trattamenti e le possibilità di cura? Vi diciamo tutto nel nostro file dettagliato.

Mastocitoma: definizione e sintomi

Il mastocitoma è un tumore canceroso della pelle o del tessuto sottocutaneo (cutaneo o sottocutaneo) o dell'intestino (forma digestiva). È una proliferazione incontrollata di mastociti, queste cellule della pelle e dei tessuti connettivi coinvolti soprattutto nelle reazioni infiammatorie e allergiche.

Forma cutanea di mastocitoma

La forma cutanea di mastocitoma è la più comune . Rappresenta il 20% dei tumori cutanei nei cani. Alcune razze canine come il golden retriever, il pugile e il boston terrier sono predisposti. Queste ultime due razze rappresentano da sole il 50% dei casi di mastocitoma.

La forma cutanea o sottocutanea di mastocitoma può essere presentata in due modi:

La forma nodulare

La forma nodulare di un mastocitoma è caratterizzata dalla presenza di una o più masse, chiamate noduli, sopra o sotto la pelle del cane . La massa o le masse sono generalmente presenti per diversi mesi e sono cresciute rapidamente . I noduli ben differenziati possono essere glabri . Possono avere dimensioni molto variabili e presentare un colore rosso tipico di infiammazione e aspetto gonfio (edema). Possono causare forte prurito e ulcerazione.

I noduli possono essere trovati ovunque sul corpo dell'animale: tronco, arto, muso, unghia, membrana mucosa o regione inguinale ...

Tutti i tumori o le masse di pelle trovati sul tuo cane, per quanto piccoli, devono essere visitati dal veterinario. Effettuerà una biopsia per assicurare la natura benigna o maligna del tumore.

La forma diffusa

Nella forma diffusa di mastocitoma, non c'è nodulo ma un aspetto edematoso (gonfio) ed eritematoso (rosso) della pelle . Questa forma influisce preferibilmente sulla regione della vulva nella femmina, nella guaina e nello scroto nel cane maschio.

Qualunque sia la forma del mastocitoma cutaneo, può essere associato a vomito e diarrea . Questi sintomi digestivi sono dovuti al rilascio di istamina da parte delle cellule tumorali, una sostanza che causa ulcerazioni digestive.

La forma digestiva di mastocitoma

Più raramente, il mastocitoma può manifestarsi visceralmente sviluppando nel tratto digestivo. Si manifesta con la presenza di una massa addominale, diarrea e vomito e anoressia (rifiuto di mangiare) .

Diagnosi di mastocitoma

Determinazione del grado istologico

Di fronte al sospetto di mastocitoma, il veterinario eseguirà innanzitutto un'ispezione rigorosa dell'intera superficie della pelle del cane per rilevare la possibile presenza di diversi tumori.

Effettuerà quindi un'aspirazione dell'ago o una biopsia, vale a dire un campione di cellule isolate o un piccolo frammento di tessuto all'interno della regione in cui si trovano le lesioni. Questo campione sarà oggetto di un'analisi istologica o citologica eseguita da un laboratorio, in altre parole un'osservazione microscopica dell'aspetto delle cellule che costituiscono il campione.

Questo primo esame consente di postulare (o scartare) la diagnosi di mastocitoma con certezza. Permette anche di determinare un grado istologico da cui sarà determinato il trattamento da porre in atto.

Secondo la classificazione di Patnaik usata dai veterinari, ci sono 3 gradi istologici annotati da I a III, dal tumore più differenziato al meno differenziato. Più un tumore è differenziato, più si avvicina alla struttura e alla funzione del tessuto sano, minore è la probabilità di metastatizzare (diffondersi nel corpo) e migliori sono le possibilità di sopravvivenza dell'animale dopo trattamento.

Per i tumori di II grado, le analisi istologiche sono generalmente raffinate mediante la determinazione dell'indice di proliferazione del tumore, chiamato indice Ki-67 . La determinazione di questo indice consente di specificare la prognosi e di determinare con maggiore precisione il trattamento da applicare.

Rapporto di estensione

Come ogni cancro, un mastocitoma può metastatizzare, cioè diffondersi più profondamente nel corpo "seminando" le cellule tumorali lontano dal tumore originale.

Una volta che la diagnosi di mastocitoma è stata fatta con certezza, il veterinario procederà ad una serie di esami supplementari per valutare l'estensione della malattia e determinare quale stadio clinico della malattia è l'animale.

La valutazione dell'estensione può essere basata su:

  • eseguire un'ecografia addominale alla ricerca di possibili metastasi nella cavità addominale. Durante questo esame possono essere eseguite puntura di milza e fegato per analisi,
  • una puntura del midollo osseo, in particolare per mastocitomi di alto grado istologico, con l'obiettivo di produrre un mielogramma,
  • palpazione e puntura dei linfonodi che drenano il territorio del tumore o tumori rilevati seguiti da analisi citologiche per possibili cellule tumorali metastatizzate. Alcuni linfonodi non accessibili possono essere esplorati mediante imaging.

Combinato con analisi istologiche, questa valutazione di estensione guiderà il veterinario nella scelta del trattamento da applicare.

Questi esami possono essere completati da un controllo sanitario generale comprendente un esame cardiaco e esami del sangue. Questa valutazione consente di perfezionare la strategia terapeutica del veterinario in base alla capacità dell'animale di resistere ai trattamenti futuri che verranno applicati ad esso.

Mastocitomi del cane: quali trattamenti per quali possibilità di sopravvivenza?

In ogni caso, il veterinario può prescrivere farmaci anti-secretivi gastrici (antistaminici tipo 2 o inibitori della pompa protonica) per proteggere il rivestimento interno dello stomaco dalle ulcerazioni causate dal rilascio di istamina dalle cellule tumorali .

A seconda del risultato delle analisi istologiche, della valutazione dell'estensione e dello stato di salute dell'animale, il veterinario può quindi scegliere tra diverse opzioni di trattamento.

Rimozione chirurgica del tumore canceroso

La chirurgia è il trattamento di prima linea del mastocitoma. Può essere potenzialmente utilizzato per il trattamento di mastocitomi di basso grado e di grado elevato. È anche generalmente l'unico trattamento necessario per i mastocitomi di grado I.

Consiste in una rimozione, chiamata escissione, del tumore che vuole il più ampio possibile (idealmente da 2 a 3 cm) intorno e sotto il tumore. Se un nodo linfatico regionale è infiltrato con cellule tumorali, può anche essere rimosso chirurgicamente.

I tessuti rimossi dall'intervento vengono poi sottoposti a nuove analisi istologiche in laboratorio. Se l'analisi istologica mostra margini infiltrati, cioè la presenza di cellule tumorali sulla periferia del tessuto rimosso, può essere programmata una nuova procedura chirurgica con un'asportazione più ampia.

Se questo nuovo intervento non è possibile, ad esempio a causa di una posizione difficile per l'approccio chirurgico, è indicata la radioterapia.

Il tasso di sopravvivenza a 4 anni dall'intervento dipende dal grado istologico del tumore: è rispettivamente del 93% e del 6% per i gradi I e III. Per i tumori di grado II e l'indice di Ki-67 inferiore al 10%, le probabilità di sopravvivenza a 2 anni dall'intervento sono dall'85 al 90%, con le stesse probabilità di un tumore di grado II e indice di Ki -67 sono solo dal 25 al 30%.

radioterapia

La radioterapia consiste nell'irradiare il tumore o l'area operata con raggi gamma . Viene utilizzato quando la chirurgia è impossibile a causa delle dimensioni del tumore o della sua posizione o dopo un intervento chirurgico che non ha rimosso tutto il tessuto canceroso.

Questo è un trattamento pesante e costoso praticato in soli 2 centri di radioterapia veterinaria in Francia a Maisons-Alfort e Villeneuve d'Asq. Il protocollo prevede da 4 a 6 sessioni di irradiazione, ciascuna delle quali richiede un'anestesia generale a breve termine per immobilizzare l'animale e il ricovero per 5 giorni a una settimana.

Gli effetti collaterali della radioterapia sono generalmente limitati a ustioni della pelle nel 20% dei casi.

Per i tumori di grado II, il tasso di sopravvivenza a 5 anni dopo l'intervento chirurgico e la radioterapia a 5 anni è del 96%. Per i tumori di grado III, la sopravvivenza mediana dopo chirurgia e radioterapia è di 28 mesi.

chemioterapia

La chemioterapia consiste nella somministrazione alle molecole citotossiche animali in grado di distruggere le cellule tumorali . A differenza della radioterapia, che agisce localmente nel punto di radiazioni, la chemioterapia è un trattamento sistemico che funziona in tutto il corpo. È quindi indicato nel trattamento di tumori che hanno un'alta probabilità di metastasi o in forme multicentriche di mastocitoma (con tumori multipli).

Il protocollo di chemioterapia più tradizionale combina due molecole: la vinblastina somministrata per via endovenosa una volta alla settimana per 4 settimane, poi ogni 2 settimane per 2 mesi e la lomustina somministrata per via orale ogni 3 o 4 settimane per 6 mesi. Poiché queste molecole sono estremamente tossiche per l'ambiente dell'animale e per il personale infermieristico, gli animali a cui sono somministrati devono essere ricoverati in ospedale per almeno 24 ore in cliniche autorizzate per poter recuperare gli escrementi e le urine contaminate per gli animali. incenerire.

Nell'animale trattato, la tossicità delle molecole chemioterapiche può causare neutropenia (diminuzione dei globuli bianchi che rendono il cane più suscettibile alle infezioni), anemia (diminuzione dei globuli rossi), trombocitopenia (diminuzione del numero di piastrine) o fibrosi e insufficienza epatica . Gli esami del sangue vengono quindi eseguiti prima di ogni somministrazione di molecole per valutare la tossicità.

La chemioterapia è spesso associata alla terapia con corticosteroidi, che è la somministrazione di farmaci cortisonici. La combinazione vinblastina / corticosteroidi darebbe il 100% dei tassi di sopravvivenza dopo 2 anni per i mastocitomi di grado II e il 56% per i mastocitomi di III grado.

Trattamenti medici palliativi

Per il trattamento dei mastocitomi di grado II o III inoperabili, il veterinario può scegliere di utilizzare le molecole appartenenti alla famiglia delle terapie mirate : il masitinib commercializzato con il nome Masivet e toceranib, il cui nome commerciale è Palladia. Relativamente recenti, queste molecole non uccidono le cellule tumorali a differenza delle molecole utilizzate nella chemioterapia, ma impediscono solo la loro moltiplicazione . Sono quindi essenzialmente palliative e non guariscono il cane dal suo cancro ma solo per aumentarne la durata.

Queste molecole vengono somministrate sotto forma di compresse per via orale senza ricovero ospedaliero. D'altra parte, sono estremamente costosi e tossici per il corpo dell'animale trattato (tossicità ematologiche, renali, epatiche e gastrointestinali). In realtà, il loro uso richiede un attento monitoraggio veterinario con regolari esami del sangue e delle urine per la durata del trattamento, che dura almeno un anno.

Il tasso di stabilizzazione con questo tipo di trattamento è di circa il 50%.

Medicina di erbe a supporto

Pensaci! La medicina di erbe può essere di grande aiuto nel sostenere i trattamenti contro il cancro. Molte erbe possono funzionare aiutando il corpo del cane a sopportare la violenza dei trattamenti antitumorali, limitare la perdita di massa muscolare associata al cancro, ridurre i disturbi digestivi associati ai trattamenti e limitare il dolore. D'altra parte, quando è in corso un trattamento anticancro, i rimedi fitoterapici devono essere prescritti imperativamente da un veterinario specializzato a causa delle numerose interazioni possibili tra le piante e i farmaci.

Infine, ci sono molti trattamenti alternativi per il cancro derivati ​​dalla fitoterapia per superare i trattamenti di chemioterapia o radioterapia. I metodi che utilizzano i prodotti a base di vaniglia tahitiana e corteccia di quinquina (DNA PKASE Inhibat) o di vischio (VAF o Viscum Fermented Album) stanno iniziando a dimostrarsi!