Il boia del cane impiccato a Nimes sarà giudicato

La mattina del 1 febbraio 2017, i raccoglitori di polvere della città di Nîmes avevano scoperto il cadavere di un cane appeso a un palo. Due mesi dopo il fatto, il responsabile, confuso dal suo DNA, fu arrestato e processato immediatamente.

Mercoledì 1 febbraio 2017. Due sciacalli della città di Nîmes sono impegnati con il loro lavoro quando fanno una macabra scoperta: un cane morto, appeso a un cartello .

Il povero animale, un cane maschio di tipo molossoide, è stato trovato nel distretto di Puech du Teil al numero 13 di rue Henri Revoil. Gli addetti alle pulizie della città sciolsero il cadavere dell'animale che giaceva morto, una cinghia legata al collo e appesa a un cartello.

L'atto odioso ha ovviamente suscitato un'ondata di indignazione tra tutti gli amanti dei cani e soprattutto tra i membri del Defender Collective Aes Animaux 30 che si erano radunati sul luogo di scoperta del corpo dell'animale.

Due mesi dopo l'incidente, l'indagine condotta dai poliziotti del gruppo di supporto giudiziario della stazione di polizia di Nîmes ha arrestato il perpetratore. Si tratta di un uomo di 28 anni, già noto alla giustizia per violenza domestica e il cui DNA era bloccato. È anche la sua impronta del DNA che ha permesso agli investigatori di tornare da lui perché il cane non era né tatuato né scheggiato.

L' uomo ha confessato, mentre era sotto custodia, l'atto di impiccarsi e ha cercato di giustificarsi con il fatto che il cane "è diventato violento e gli ha causato problemi". L'autopsia ha rivelato che il cane era vivo al momento del suo impiccagione e che è morto per strangolamento in estrema sofferenza dopo essere stato colpito.

Il torturatore verrà processato martedì 25 aprile 2017 in immediata apparizione dal Tribunale Penale di Nîmes. Viene condannato a 2 anni di carcere e 30.000 euro di multa. In attesa del suo giudizio, è stato posto in detenzione preventiva.

Aggiornamento del 25/04/2017: scopri il verdetto di questa triste relazione.