Tigna nei cani

La tricofitosi è un'infezione micotica causata da funghi microscopici che paralizzano la pelle del cane. Quali sono i segni di infestazione nei cani? Come trattarlo e sbarazzarsi di tigna a casa?

Cos'è la tigna?

Tigna è il nome comune per dermatofitosi (o dermatofitia), una condizione della pelle causata da funghi microscopici che possono parassitare la pelle dei cani. Questi funghi vivono e si riproducono in parte sul cane dove si nutrono di cheratina e vivono su tutti gli elementi che lo contengono come il pelo (piccola "forfora" della pelle morta), i peli ma anche gli artigli. Il loro ciclo riproduttivo li rende in grado di sopravvivere e crescere nell'ambiente se contiene cheratina sotto forma di peli morti o peli.

Questi funghi microscopici e filamentosi appartengono a specie diverse tra cui il canis del Microsporum, il gypseum del Microsporum o persino i mentagrophytes del Trichophyton che non solo possono parassitizzare il cane ma anche animali di altre specie o addirittura umani.

La modalità di trasmissione della tigna per contatto con un animale vettore, sano o malato, il fungo o dall'ambiente esterno rende anche una malattia estremamente contagiosa per gli esseri umani e altri animali (cani, gatti, maiali). dall'India, conigli ...).

Quali sono i sintomi della tricofitosi?

Le spore del fungo formano dei filamenti che penetrano nel follicolo pilifero del cane e si sviluppano poi nei capelli fino a quando non sono completamente parassiti. Quando tutta la cheratina dei capelli è stata consumata dal fungo, i capelli cadono e il fungo si diffonde agli altri capelli. Questa modalità di sviluppo spiega i sintomi osservati in un animale affetto da tigna: perdite circolari di capelli che si spostano dal centro verso l'esterno .

Tranne casi rari o particolari, le lesioni tigna non causano prurito nei cani, ma di solito si osservano peli (forfora) e croste . Si trovano più spesso sulla testa, sui piedi e sugli artigli dell'animale.

Quando i capelli ricrescono, dal centro di una lesione mentre altre depilazioni appaiono altrove, il mantello dell'animale può apparire come "mité".

Una forma particolare e più rara di tigna può anche essere manifestata dalla presenza di "cherion": si tratta di lesioni infiammatorie prominenti, rosse e molto pruriginose (prude!). Questi keratens compaiono solitamente sulla testa, sulla punta del muso, sopra gli occhi o tra il tartufo e gli occhi quando la trichophyton mentagrophytes moth.

La tigna si verifica spesso negli animali in cui la pelle è già ferita o malata in caso di infiammazione, seborrea o fragilità immunitaria.

Nota bene

Tutti i cani con funghi tigna non esprimono i sintomi della malattia. Sono chiamati portatori sani . Se non sono malati, possono infettare abbastanza altri animali o esseri umani.

Come curare la tricofitosi

In un animale sano, tigna può guarire spontaneamente, senza doverlo trattare. Tuttavia, è ancora fortemente consigliabile trattare l'animale malato per evitare che contamini gli umani o altri animali che condividono la sua casa o che diventi cronico negli animali immunocompromessi.

Il trattamento del cane si basa sulla somministrazione o applicazione di farmaci antifungini destinati a "uccidere" il fungo. Nei cani, questi trattamenti si presentano sotto forma di polvere orale, shampoo o compresse. Il trattamento è generalmente lungo, dell'ordine di 4-6 settimane in media.

Allo stesso tempo, bisogna fare attenzione a pulire e disinfettare accuratamente la casa per rimuovere i detriti da peli e peli che possono causare la permanenza del fungo nell'ambiente e la ricontaminazione del cane. È quindi necessario pulire e disinfettare regolarmente tutti gli oggetti e le superfici che sono in contatto diretto con il cane con candeggina e anche aspirando regolarmente.

Inoltre, il contatto diretto con l'animale tigna dovrebbe essere evitato per la durata del suo trattamento e fino a quando non si è indurito e si devono usare i guanti per maneggiarlo.