Pododermatite nei cani

La pododermatite si riferisce a un'ampia varietà di condizioni che interessano le dita, gli spazi tra le dita, i cuscinetti e persino gli artigli del cane. Ma lo sapevate che ci sono varie cause di pododermatite nei cani?

Cos'è la pododermatite?

La pododermatite è un gruppo di malattie dermatologiche che colpiscono le estremità delle gambe del cane . Le lesioni possono coinvolgere le dita, gli spazi interdigitali (tra le dita), i pad e / o gli artigli . Possono essere limitati a un piede, toccare diversi piedi o addirittura estendersi ad altre aree del corpo.

I sintomi sono anche molto variabili a seconda della pododermatite. Possono causare eritema (arrossamento della pelle), prurito (prurito), alopecia (perdita di capelli), zoppia, erosioni, ulcere, noduli o persino fistole .

Poiché la pododermite causa il gene e il dolore nei cani, è frequente che l'animale lecchi le zampe in modo insicuro, con il rischio di provocare leccare il granuloma e le complicanze infettive.

Possibili cause di pododermatite nei cani

Le cause della pododermatite sono molteplici.

Cause di pododermatite localizzata su un singolo piede

Quando viene toccato un solo piede, la pododermatite può essere dovuta a:

  • Un trauma,
  • La presenza di un corpo estraneo bloccato in una zampa.

Tra i possibili corpi estranei, le spighette sono classicamente la causa della pododermatite. Queste erbe secche che si trovano ai margini delle strade di campagna e tra l'erba alta negli ultimi mesi dell'estate sono in grado di rimanere bloccate tra le dita del cane per poi penetrare nella pelle. I suoi barbigli gli permettono quindi di migrare attraverso gli spazi interdigitali dei tessuti e, a volte, di tornare nel ramo dell'animale. La spighetta provoca gonfiore dello spazio interdigitale e la formazione di una fistola che fa in modo che l'animale lecchi la gamba colpita in modo compulsivo.

Il trattamento si basa sul ritiro, di solito tramite intervento chirurgico, del corpo estraneo seguito dalla somministrazione di antibiotici.

  • Un disturbo comportamentale

I cani ansiosi possono sviluppare un disturbo comportamentale che li fa leccare una zampa fino al punto di autolesionismo. Questo è chiamato pododermatitis psicogena . Rivela una vera sofferenza psichica dell'animale che dovrà essere trattata con l'aiuto della terapia comportamentale e dei farmaci ansiolitici . Anche medicinali complementari come l'agopuntura e la fitoterapia possono essere utilizzati come rinforzo per il trattamento convenzionale.

  • La presenza di un tumore .

Carcinomi a cellule squamose, mastocitomi o persino melanomi possono causare la comparsa di una massa o ulcerazione tra le dita dell'animale o alla base degli artigli.

In tutti i casi, il trattamento dipenderà dalla natura del tumore che il veterinario dovrà identificare attraverso la biopsia e gli eventuali esami radiografici.

Cause di pododermatite che colpiscono più piedi

Quando vengono colpiti diversi piedi del cane, la pododermatite può trovare la sua origine in:

  • Una semplice irritazione

La pelle che copre tutte le aree del piede del cane è spesso soggetta ad alta pressione a causa del peso dell'animale o di molti attriti, che favorisce lo sviluppo di irritazione a questo livello.

Alcune sostanze possono anche causare irritazione sui piedi del cane. Questo è il caso di alcuni fertilizzanti, erbicidi o idrocarburi ... È quindi necessario identificare le sostanze in questione per evitare il contatto con il cane e pulire accuratamente le gambe dell'animale con acqua e shampoo delicato per risolvere il problema

  • Conformazione anormale delle pastiglie,

Alcuni cani hanno pastiglie chiamate "a ferro di cavallo" dove la pelle tra i due rilievi centrali forma un ponte di capelli su una zona di supporto. Questi peli creeranno quindi lesioni durante il supporto: i capelli si incarneranno nel derma e causeranno una reazione infiammatoria, specialmente nei cani con peli corti.

  • Ustioni o congelamento
  • Un'allergia

Pododermatite può essere presente nei casi di dermatite atopica, allergia alimentare o dermatite a causa di allergia alle pulci .

Può anche essere dovuto ad un'allergia da contatto . In quest'ultimo caso, le lesioni sono quindi presenti solo sulle aree del piede che sono in contatto con il terreno.

Le cause allergiche della pododermatite di solito causano un eritema interdigitale (arrossamento della pelle tra le dita) e un prurito importante che è all'origine di un'intensa leccatura. Ad eccezione dell'allergia da contatto, anche altre aree del corpo possono presentare lesioni.

  • La moltiplicazione dei batteri patogeni nella pelle: i piedi del cane sono spesso sporchi e aree bagnate che favoriscono la moltiplicazione batterica che causa una pododermatite.
  • Una malattia autoimmune,
  • Una malattia genetica, come la dermatosi sensibile alla zinco nei cani di tipo nordico che può, tra gli altri sintomi, essere la causa della pododermatite.
  • Una malattia metabolica,
  • Ad esempio, una malattia virale in caso di malattia di Parkinson,
  • Infestazione da funghi (da funghi o lieviti microscopici): la pododermatite da funghi è molto comune nei cani. La causa è la dermatite da Malassezia, tigna, candidosi o, più raramente, micosi più profonde.
  • Un'infestazione da parassiti

Ancora una volta, ci sono molte cause di pododermatite parassitaria. Gli agenti coinvolti potrebbero essere:

  • demodex nel contesto di una demodecie,
  • i chigger durante una trombiculosi,
  • più raramente, larve di Pelodera che infestano i cani che dormono su lettiere sporche e bagnate.

Pododermatite del cane: quali trattamenti possibili?

Il trattamento della pododermatite del cane dipenderà dalla causa identificata della condizione. Può essere un trattamento chirurgico per corpi estranei, la somministrazione di antibiotici in caso di pododermatite batterica, una terapia comportamentale associata ad un trattamento ansiolitico in caso di disturbo comportamentale, un trattamento antimicotico in caso di pododermatite fungina ecc.

Solo il tuo veterinario può determinare l'origine del problema durante una visita dermatologica e dopo vari esami come una biopsia o un raschiamento della pelle.