La nozione di tempo nei cani

I cani non hanno la stessa nozione di tempo di noi uomini.

Non terrebbero conto del tempo che scorre. E infine, questa non è una brutta cosa perché la maggior parte dei cani rimane più o meno tranquillamente a casa ad aspettare, per ore, il ritorno del padrone e della padrona andati al lavoro.

I nostri cani vivono nel presente e non sono consapevoli di avere un passato o un futuro.

Ma come lo spiegate mentre "ricordano" gli eventi passati, le cose che abbiamo imparato da loro e persino noi stessi? Sembra che i cani mostrino una cosiddetta memoria "episodica". In altre parole, non sono in grado di "rimontare mentalmente il tempo" per ricordare i ricordi, ma hanno un ricordo che consente loro di memorizzare alcune informazioni senza poter individuare in tempo l'ora del loro l'apprendimento.

Alcuni comportamenti sono semplicemente dovuti al condizionamento in stile Pavloviano. Il cane ad esempio "registra" il fatto che quando ti ha dato la zampa, ha ricevuto un premio o un giocattolo come ricompensa e ha riprodotto questo comportamento per soddisfare la sua avidità o desiderio di giocare. Tuttavia, è necessario che funzioni per ripetere più volte lo stesso gesto con il cane per consentirgli di "registrare" il comportamento che ci si aspetta da lui.

Un'altra domanda che si può chiedere è: in assenza di una nozione di tempo, com'è che il cane "sa" che è ora di mangiare o che tornerò dal lavoro? La maggior parte dei cani si agita quando il tempo della ciotola ha suonato o anticipa il tuo arrivo aspettandoti alla porta di casa tua nel momento in cui torni a casa dal lavoro ... eppure non importa. non ha orologio per sapere che ore sono! In effetti, questo è certamente dovuto alla routine quotidiana che hai stabilito più o meno consapevolmente con il tuo cane. Quest'ultimo è attento ai segnali che non si notano nemmeno come il passaggio di un autobus in strada o lo squillo di una sveglia che segnano la sua giornata e gli dicono che è ora di praticare tale o tale attività (mangiare, camminare, tornare a scuola, ecc.).

Altre ipotesi sono avanzate per spiegare l'esistenza di questo "orologio interno canino". Alcuni propongono l'ipotesi del ritmo circadiano o del ritmo biologico. In effetti, gli animali stanno ascoltando le loro sensazioni corporee. Ad esempio, uno stomaco gorgogliante sarà un segno che è il momento di reclamare la sua crocchetta e la notte cade innesca la produzione di un ormone che promuove il sonno. Altri presumono che i cani siano in grado di analizzare la lunghezza delle ombre durante il giorno per trovare il loro orientamento sul principio della meridiana. Infine, altri pensano che i cani abbiano un "orologio interno odorama" e si basano su odori che svaniscono col passare del tempo per trovare la loro strada nel tempo durante il giorno.

In breve, capirai, la nozione di tempo nei nostri animali imbalsamati causa ancora molte domande e congetture tra gli scienziati che sono interessati ai nostri compagni a quattro zampe.