Malattia di Lyme nei cani

Ehrlichiosi, piroplasmosi o anaplasmosi ... molte malattie trasmesse dalle zecche che possono contaminare i nostri cani.

Tra queste malattie, è necessario contare sulla malattia di Lyme che colpisce sia gli animali che gli esseri umani.

Le cause della malattia di Lyme nei cani

La malattia di Lyme è anche conosciuta come borreliosi. Questa è una malattia infettiva causata dalla Borrelia burgdorferi, un batterio a spirale trasmesso da zecche della specie Ixodes ricinus o zecche di legno. Per inoculare il batterio nel flusso sanguigno del suo ospite, il segno di spunta deve essere attaccato ad esso per 48-72 ore .

I vettori di zecche di questa malattia sono presenti in tutto il territorio francese, ma sono più comuni nel nord e nell'est del paese. Esibiscono la massima attività dalla primavera all'autunno.

Sintomi e diagnosi della malattia di Lyme

I sintomi della malattia di Lyme nei cani sono simili a quelli degli umani.

La forma acuta della malattia si manifesta attraverso:

  • febbre e segni che di solito sono associati ad esso (perdita di appetito, depressione ...),
  • dolori articolari che causano zoppia Questi dolori sono dovuti all'infiammazione di uno (artrite) o di diverse articolazioni (poliartrite),
  • vomito in alcuni casi,
  • un aumento del volume dei gangli .

La malattia esiste anche in una forma cronica dove anche la zoppia è presente ma spesso meno marcata. Può essere accompagnato da altri sintomi come problemi cardiaci, disturbi nervosi, insufficienza renale o persino danni muscolari .

I sintomi si manifestano solo dopo un lungo periodo di incubazione da 2 a 5 mesi dopo il morso del segno di spunta dell'infezione . Di solito si manifestano con crisi intermittenti di alcuni giorni tra le quali migliorano le condizioni del cane.

La diagnosi della malattia di Lyme non è ovvia per il veterinario perché i segni clinici della malattia non sono molto specifici e molti cani hanno anticorpi contro i batteri che causano la malattia senza presentare i sintomi.

Il veterinario può tuttavia contare su:

  • il contesto di vita del cane . Prenderà in considerazione l'area geografica in cui vive l'animale ma anche il modo di vita dell'animale che può esporlo = più o meno ai morsi delle zecche,
  • vari esami medici come una sierologia, una puntura congiunta o anche un esame chiamato PCR (test del DNA che consente tra l'altro di diagnosticare malattie infettive)

Trattamento e prevenzione della malattia di Lyme

Come ogni malattia causata da un batterio, la borreliosi viene trattata con la somministrazione di antibiotici per diverse settimane. Il dolore alle articolazioni può essere alleviato con farmaci anti-infiammatori .

La malattia di Lyme può, in alcuni casi, avere gravi complicazioni e i vettori di zecche possono anche infettare le persone a contatto con il cane. Per questi motivi, è importante evitare che il cane catturi le zecche trattandolo preventivamente contro questi acari con prodotti per il controllo dei parassiti esterni. Questi prodotti hanno un'efficacia limitata e devono essere associati a un'ispezione accurata e sistematica del mantello del cane dopo ogni passeggiata in aree a rischio di zecche (foreste, erba alta ...). Per quelli con assicurazione per cani, i prodotti di controllo dei parassiti possono essere inclusi nel pacchetto di prevenzione.

Se nonostante tutte queste precauzioni, il cane è stato morso da un segno di spunta, è necessario rimuoverlo il più rapidamente possibile con un segno di spunta ticchettio avendo cura di rimuovere il rostro (o la testa) del segno di spunta. parassita.

C'è anche un vaccino contro la borreliosi . È particolarmente raccomandato nei cani più esposti alle zecche come i cani da caccia. Consiste di due iniezioni a intervalli da 3 a 5 settimane da effettuare dalla dodicesima settimana di vita del cucciolo. Affinché la protezione rimanga efficace, un booster deve essere eseguito ogni anno preferibilmente prima del massimo periodo di attività della zecca dalla primavera all'autunno.