Malattia del cane nei cani

cane malato Il virus Carré, descritto per la prima volta nel 1905 dal veterinario che ha dato il nome alla malattia, è un paramyxovirus del virus del morbillo umano e della famiglia della peste bovina. Il virus viene trasmesso attraverso uno stretto contatto tra cani malati e l'esposizione delle mucose del naso, della bocca e degli occhi alle goccioline contenenti il ​​virus.

I sintomi

Dopo 3-10 giorni di incubazione, il virus colonizza molti organi e causa i seguenti sintomi:

  • Riacutizzazione della febbre della durata da 24 a 48 ore seguita da un ritorno alla normalità per 1 o 4 giorni
  • perdita di appetito
  • infiammazione delle tonsille (tonsillite)
  • congiuntivite
  • malattia respiratoria caratterizzata da:
    • scarico nasale chiaro che diventa progressivamente purulento
    • l'aspetto di una tosse
  • diarrea e vomito
  • deterioramento della condizione generale
  • cheratite e retinite (infiammazione della cornea e della retina)
  • ispessimento della pelle a livello di tartufi e pastiglie chiamate ipercheratosi

In alcuni cani i sintomi saranno molto discreti e l'animale si riprenderà con alcune sequele neurologiche, mentre negli altri cani i sintomi saranno più pronunciati e provocheranno la morte dell'animale.

In Francia, il morbo di Carré è uno dei mali infelici che consentono al compratore di un cane in un negozio o un'azienda agricola di essere rimborsato se l'animale è infetto.

vaccinazione

Una volta molto comune, la malattia di Carré è ora più rara in Francia grazie alla prevenzione del vaccino . La vaccinazione iniziale comprende due iniezioni effettuate ad intervalli di un mese nel cucciolo molto giovane di età compresa tra 7 e 8 settimane. È quindi necessario un promemoria annuale per mantenere l'efficacia dell'immunità. Questa protezione mediante vaccinazione è molto importante perché nessun trattamento è veramente efficace contro questa malattia. Se un cane non vaccinato è colpito, il veterinario può solo curare le conseguenze dei sintomi per alleviare il cane malato ma non può sradicare il virus dal suo corpo.

Quindi scommetti tutto sulla prevenzione: vaccina il tuo cane e non perdere nessuno dei suoi ricordi. Alcune compagnie di assicurazione cinofile preferiscono addirittura pagare le tasse veterinarie come vaccini e richiami piuttosto che pagare un millesimo e un centesimo nel trattamento di una malattia di Carré, comunque incurabile. Prevenzione significa anche non esporre un cane non immunizzato ai suoi congeneri che possono essere portatori della malattia senza esprimere i principali sintomi sopra descritti.