La malattia di Addison nei cani

Si chiama malattia di Addison o ipocorticismo primario nei cani, la malattia endocrina che deriva dalla produzione insufficiente di cortisolo e aldosterone, due ormoni secreti dalle ghiandole surrenali.

Qual è la malattia di Addison nei cani?

La malattia di Addison (o ipocorticismo) è una condizione della corteccia surrenale, vale a dire la parte esterna delle ghiandole surrenali, queste ghiandole situate sopra i reni e il cui ruolo è quello di produrre ormoni corticosteroidi. La conseguenza di questa condizione è una deficienza di secrezione di corticosteroidi surrenali in due ormoni: cortisolo (un glucocorticoide) e aldosterone (un mineralcorticoide).

Poiché questi ormoni sono coinvolti in molte funzioni fisiologiche, questa iposecrezione si manifesta con sintomi che colpiscono l'intero organismo dell'animale.

Quali sono le cause della malattia di Addison nei cani?

La malattia di Addison è un ipocorticismo primario dovuto alla progressiva distruzione della parte esterna (la corteccia) delle ghiandole surrenali .

Nella stragrande maggioranza dei casi, questa distruzione stessa è causata dall'infiltrazione dei linfociti surrenali adortocorticali, inclusa una malattia autoimmune del cane . Questa malattia autoimmune è in realtà una "rottura" del sistema immunitario in cui le cellule immunitarie del cane "attaccano" la corteccia delle ghiandole surrenali e alla fine la distruggono.

La malattia di Addison colpisce le femmine più dei cani e degli animali nella fascia di età 2-6 anni .

Sebbene tutte le razze di cani possano essere colpite, forme razziali, ereditarie e / o familiari della malattia sono state identificate in:

  • Poodles,
  • Leonbergs,
  • l'alano,
  • i Collie barbuti,
  • o il West Highlands White Terrier.

Buono a sapersi

Esistono altre forme di ipocorticismo che la malattia di Addison causa nei cani con sintomi simili ma con cause diverse. Questi difetti di secrezione ormonale da parte delle ghiandole surrenali possono essere:

  • primarie quando sono causate da una mancanza di secrezione dalle ghiandole surrenali stesse. Può essere un effetto collaterale della somministrazione di un medicamento per il trattamento dell'ipercorticismo ipofisario dell'animale, una malattia nota anche come sindrome di Cushing.
  • secondaria quando ACTH, un ormone che stimola la produzione di ormoni surrenali, viene secreto in quantità insufficiente dalla ghiandola pituitaria.
  • Terziario quando l'ipotalamo non secerne abbastanza CRH, un ormone che stimola la produzione di ACTH.

Come si manifesta la malattia di Addison nei cani?

Nei cani, la malattia di Addison può manifestarsi in due modi:

  • la forma acuta chiamata crisi addisoniana,
  • la forma cronica.

Morbo di Addison: sintomi di forma acuta

La forma acuta della malattia si trova più spesso nei cani. La crisi addisoniana si manifesta con l'insorgenza improvvisa dei seguenti sintomi:

  • abbattimento,
  • vomito,
  • la diarrea può contenere sangue digerito di colore nero (melena),
  • rifiuto di mangiare (anoressia),
  • dolore addominale,
  • tremori,
  • ipotermia
  • più raramente, un rallentamento della frequenza cardiaca (bradicardia).

Una crisi addisoniana mette il cane in uno stato di disidratazione e può evolvere verso uno stato di shock ipovolemico (diminuzione significativa del volume di sangue nella rete venosa). Questo stato di shock è un'emergenza assoluta che mette in pericolo la vita dell'animale e deve essere trattato il più rapidamente possibile da un veterinario.

Morbo di Addison: sintomi della forma cronica

Nella sua forma cronica, la malattia di Addison si manifesta nei seguenti sintomi:

  • letargia,
  • mancanza di appetito sostenibile,
  • vomito cronico,
  • cachessia,
  • aumento dell'assunzione di bevande e frequenza della minzione (poliuro-polidipsia).

Come viene diagnosticata la malattia di Addison?

Per diagnosticare la malattia di Addison in un cane, il veterinario utilizzerà esami del sangue per determinare i livelli ematici di cortisolo e aldosterone. Questi esami del sangue vengono eseguiti durante un test di stimolazione adrenale ACTH. Questo test consiste in un primo esame del sangue per misurare gli ormoni normalmente presenti nel sistema sanguigno dell'animale, seguito da un'iniezione intramuscolare o endovenosa di un analogo sintetico dell'ormone corticotropico ipofisario ACTH. Sessanta minuti dopo l'iniezione endovenosa o 90 minuti dopo l'iniezione intramuscolare, viene eseguito un nuovo esame del sangue per misurare la cortisolemia e l'aldosteronemia.

Se necessario, altri esami complementari possono essere eseguiti dal veterinario tra:

  • esami del sangue complementari,
  • un elettrocardiogramma per osservare la possibile bradicardia,
  • una radiografia del torace, che mostra segni di ipovolemia, una delle conseguenze dell'ipocorticismo.

Trattamento della malattia di Addison nei cani

La forma acuta della malattia di Addison può richiedere un trattamento di emergenza consistente nell'infondere l'animale alla reidratazione e correggere l'elettrolito e i disturbi cardiaci che possono risultare e quindi iniettare per via endovenosa azione corticoidi.

Dopo la stabilizzazione dell'animale dopo la gestione dell'emergenza o quando il cane soffre di una forma cronica della malattia, dovrà sottoporsi a un trattamento di mantenimento con farmaci corticosteroidi per tutta la vita che consenta di superare il difetto della secrezione. corteccia surrenale. Nella maggior parte dei casi, il farmaco assume la forma di compresse da somministrare al cane tra 1 e 2 volte al giorno. Questo trattamento consente di ottenere una completa scomparsa dei sintomi.

L'animale affetto dalla malattia di Addison deve essere regolarmente monitorato da un veterinario e sottoporsi regolarmente a esami del sangue.

Quando viene curato nel tempo, la malattia influisce solo in minima parte sull'aspettativa di vita e sulla qualità della vita dell'animale.