Inbreeding nei cani

L'inbreeding nei cani viene spesso definito come causa di problemi di salute o problemi comportamentali. Quando possiamo parlare di consanguineità nei cani? È permesso e quali sono i rischi?

Inbreeding: cos'è?

L'inbreeding è il risultato dell'accoppiamento tra due cani correlati. Per un dato cucciolo, la consanguineità è tanto più importante in quanto la relazione tra i suoi genitori è ristretta.

Questa definizione ci insegna che esistono diversi gradi di consanguineità nel cane.

I diversi gradi di consanguineità nei cani

Inbreeding è chiamato diretto o in-breeding, l' accoppiamento di due cani strettamente correlati. Questo è il caso, per esempio, se un fratello e una sorella sono accoppiati, o una madre con suo figlio. Anche lo sposare uno zio e una zia con i suoi nipoti è considerato in fase di riproduzione.

La stretta consanguineità ora bandita dalla Central Canine Society

Da maggio 2017, la consanguineità è bandita dalla Société Centrale Canine. Pertanto, è vietato agli allevatori di cani di razza accoppiare un padre e sua figlia, una madre e suo figlio o un fratello e una sorella. Le eccezioni possono tuttavia essere concesse caso per caso all'allevatore su presentazione di un file con il club di razza.

La consanguineità in linea, nota anche come allevamento in consanguineità o line-breeding, consiste nell'accoppiamento di due genitori che hanno un antenato comune ma più distante. Il lignaggio, ad esempio, consiste nel "sposare" un nonno e la sua nipotina.

Non si parla di consanguineità se l'allevatore ha praticato l' out-breeding (chiamato anche out-cross). Ciò significa che ha accoppiato due cani che non hanno antenati comuni nel loro pedigree (cioè il loro albero genealogico). Più spesso, questo è il caso in cui l'allevatore utilizza un animale riproduttore fuori dalla sua fattoria.

I pericoli della consanguineità nei cani

È necessario soprattutto sapere che tutte le varietà di razze canine finora esistenti sono state prodotte e sviluppate dalla pratica della consanguineità in linea diretta. Per attraversare tra loro gli individui che possedevano le caratteristiche che si desidera preservare era davvero il modo più veloce e sicuro per ottenere cuccioli con queste stesse caratteristiche.

Ma lo svantaggio del ricorso a questa stretta consanguineità è la mancanza di mescolanza dell'eredità genetica . Sposando persone strettamente imparentate, il rischio maggiore è quello di rivelare difetti genetici che possono portare a problemi di salute nella prole. Con la consanguineità, teniamo il meglio, ma anche il meno buono o il peggio del capitale genetico dei genitori.

Infatti, nell'eredità genetica di un individuo, ci sono sempre due versioni dello stesso gene, una portata da sua madre e l'altra dal padre. Queste versioni dello stesso gene sono chiamate alleli. Vi sono quindi alleli recessivi e alleli dominanti. Se un cane ha un allele recessivo e un allele dominante per un dato tratto, è l'allele dominante che si esprimerà. L'allele recessivo è presente nel patrimonio genetico, ma rimane in silenzio.

Se questo allele recessivo porta una mutazione potenzialmente responsabile di una malattia, allora la malattia non sarà dichiarata nel cane che ha un allele recessivo e un allele dominante (il cane si dice che sia "eterozigote" per questo allele): dice che il cane è un portatore sano. D'altra parte, può benissimo trasmettere questo allele recessivo alla sua progenie.

Se si incrociano individui della stessa famiglia, tutti portatori sani, il rischio è che un cucciolo della prole venga poi trovato con due alleli recessivi deleteri che, in assenza del gene dominante "normale", si esprime .

Consanguineità stretta presenta quindi un maggiore rischio di rivelare problemi genetici selezionando alleli recessivi e facendoli esprimere se stessi.

Naturalmente, i difetti genetici possono anche essere espressi in individui non strettamente correlati se entrambi i genitori portano l'anomalia, ma c'è statisticamente meno rischio che questo accada.