Coccidiosi nei cani

La coccidiosi è una parassitosi del cane. Quali parassiti sono responsabili? Quali cani possono essere colpiti? Come si manifesta e guarisce la malattia?

Cos'è una coccidiosi?

La coccidiosi è una malattia parassitaria del cane causata da coccidi, parassiti del suo apparato digerente .

I coccidi sono protozoi, cioè organismi composti da una sola cellula. Invisibili ad occhio nudo, questi parassiti sono responsabili della diarrea negli animali il cui sistema immunitario è immaturo o indebolito. La malattia quindi preferibilmente colpisce i cuccioli e i cani adulti immunocompromessi .

È probabile che due specie di coccidi parassitizzino il cane: Isospora canis e Cryptosporidium parvum .

Coccidiosi in Isospora del cane

Come viene catturato?

Isospora canis, il protozoo coinvolto

Isospora canis è un protozoo, incapace di muoversi da solo, vivendo in cellule che rivestono l'intestino tenue e l'intestino crasso del cane.

È un parassita specifico del cane.

Comprensione del ciclo di vita di Isospora canis

Isospora canis esiste in varie forme:

  • Le oocisti corrispondono alla forma del parassita eliminato negli escrementi di un animale infestato,
  • Una volta presenti nell'ambiente esterno, le oocisti sporulano: si mettono in una forma di resistenza dividendo. Le oocisti che formano le spore costituiscono quindi la forma infestante del parassita: è in questa forma che possono essere ingerite da un cane o da un altro animale. Nella loro forma sporulata, i parassiti sono estremamente resistenti e possono sopravvivere fino a un anno nell'ambiente esterno,
  • Una volta ingerito e digerito da un cane, le oocisti sporulanti rilasciano sporozoiti nell'intestino tenue del cane.
  • Nell'intestino tenue, gli sporozoiti diventano trofozoiti che sono in grado di riprodursi asessualmente per condurre a un'altra forma del parassita chiamata schizonte . Questi schizonti a loro volta scoppiano in schizozoiti, che si moltiplicano anche per infestare e distruggere le cellule intestinali del cane. Sono i responsabili dei sintomi intestinali della coccidiosi.
  • Dopo alcune generazioni di schizonti, alcuni di essi vengono trasformati in gamme maschili e femminili in grado di riprodursi sessualmente tra di loro per dare un nuovo ookista che sarà eliminato nell'ambiente esterno attraverso gli escrementi del cane.

Il ciclo di vita dei coccidi

Contaminazione orale

Un cane è quindi infestato dall'ingestione di oocisti sporchi di canis Ispora presenti nel suo ambiente. Può farlo deglutendo le feci trasportando i parassiti o leccando da loro le superfici sporche.

I cani che vivono in comunità (allevamento, canile, rifugio ...) sono particolarmente colpiti perché la promiscuità degli animali e la grande resistenza del parassita nell'ambiente esterno favoriscono la contaminazione. Le femmine che allattano al seno che espellono le oocisti tipicamente contaminano i loro cuccioli durante il periodo dell'allattamento.

I sintomi della coccidiosi di Isospora

I sintomi si osservano soprattutto nei cuccioli di età inferiore ai 4 mesi e sono costituiti da una diarrea liquida o da sgabelli molto morbidi, a volte sanguinolenti . In caso di forte infestazione, la vita del giovane animale può finire in gioco.

Negli animali immunocompromessi, la persistenza della diarrea cronica può causare perdita di peso, disidratazione e vomito .

Tuttavia, la maggior parte dei cani adulti che hanno un sistema immunitario "ad alte prestazioni" non esprimono alcun sintomo anche se portano il parassita. Possono comunque contaminare l'ambiente in oocisti che espellono nelle loro feci e causano la malattia di un animale che li circonda.

Trattamento della coccidiosi in Isospora

Il trattamento si basa sulla somministrazione di farmaci antibiotici e anticoccidici .

Se l'animale malato vive in comunità, dovranno essere trattati anche tutti i cani del suo entourage, anche se non presentano sintomi della malattia perché possono ancora rifiutare le oocisti nel loro ambiente di vita.

Per limitare la presenza di cisti nell'ambiente esterno, è necessario associare a trattamenti farmacologici misure igieniche draconiane che consistono in:

  • raccogliere il più rapidamente possibile tutti gli escrementi di animali,
  • pavimenti regolarmente puliti e tutte le superfici potenzialmente a contatto con gli escrementi con acqua bollente o un pulitore a vapore . La candeggina è a sua volta inefficace sulle oocisti e tenderebbe persino a sporulare e quindi a renderle infestanti.

Coccidiosi con Cryptosporidium parvum del cane

Come viene catturato?

Il Cryptosporidium parvum è un parassita intestinale del cane ma anche del gatto, del bestiame e dei roditori. Gli animali sono infestati dall'ingestione orale di oocisti escreti nel terreno attraverso le feci contaminate.

Attenzione, malattia trasmissibile all'uomo

Il criptosporidio parvum può essere trasmesso agli esseri umani. Quest'ultima può essere infettata dal contatto diretto con cani, vitelli, pollame o persone parassitizzate o ingerendo cibo crudo o acqua sporca.

Sintomi di coccidiosi di Cryptosporidium parvum

La malattia si manifesta solo nei cuccioli di età inferiore a 1 anno o negli animali con sistema immunitario compromesso o difettoso. Nella maggior parte dei cani sani, la presenza del parassita rimane asintomatica.

I segni sono una diarrea liquida che può persistere per giorni o settimane. Questa diarrea può essere accompagnata da febbre, dolore addominale e vomito.

E negli umani, quali sono i sintomi?

Come nei cani, la malattia colpisce principalmente i soggetti immunocompromessi. Si manifesta con diarrea, nausea e dolore addominale. L'infezione può a volte portare a disidratazione e grave perdita di peso. È quindi molto importante non mettere in contatto bambini, anziani e / o malati con un animale affetto da criptosporidiosi e lavarsi le mani dopo ogni contatto con l'animale per evitare la contaminazione delle persone più vulnerabili. a rischio.

Trattamento della coccidiosi con Cryptosporidium parvum

Non esiste un controllo specifico dei parassiti per il Cryptosporidium parvum . Il trattamento della malattia è quindi principalmente basato sul sollievo dei sintomi associati alla parassitosi fino a quando l'immunità dell'animale non viene messa in atto.

Negli animali immunocompromessi, la prognosi è generalmente scarsa.

Per quanto riguarda Ispospora canis, devono essere messe in atto le stesse misure igieniche per limitare la persistenza delle oocisti nell'ambiente (senza tuttavia riuscire completamente a dare l'elevata capacità di resistenza del parassita nell'ambiente ...).