Cardiomiopatia dilatativa dei cani

La cardiomiopatia dilatativa, spesso abbreviata in CMD, è la malattia cardiaca più comune che può verificarsi durante la vita del cane dopo la malattia della valvola degenerativa della valvola mitrale.

Definizione, sintomi, diagnosi e trattamento: trova qui tutte le informazioni su CMD.

Qual è la cardiomiopatia dilatativa?

La cardiomiopatia dilatata o cardiomiopatia dilatativa è una sindrome definita come perdita di contrattilità del muscolo cardiaco, assottigliamento delle pareti cardiache e aumento del volume delle cavità del cuore.

La cattiva contrazione del muscolo cardiaco provoca una difficoltà del sangue, espulso dal cuore a basso flusso, per ossigenare adeguatamente i vari organi e tessuti del corpo. Inoltre, il sangue, parzialmente espulso dal cuore durante la sua contrazione, ristagna nelle cavità del cuore e si confonde con il flusso di sangue che entra nel cuore. Ciò si traduce in un aumento della quantità di sangue contenuta nelle camere cardiache, che alla fine provoca distensione di queste stesse cavità. Il cuore appare quindi "grande" sulle immagini di una radiografia del torace.

Le cause della CMD

La causa della comparsa di cardiomiopatia dilatativa nei cani è spesso incerta o sconosciuta . Il fatto che alcune razze di cani siano predisposti alla sindrome di CMD indirizza comunque verso la traccia di una predisposizione ereditaria alla malattia. Le carenze di amminoacidi, infiammazioni, malattie virali, ormonali, immunitarie o avvelenanti potrebbero anche avere un ruolo nell'insorgenza della sindrome.

La sindrome colpisce principalmente razze di cani di grandi dimensioni come il Golden Retriever, l'alano, il levriero irlandese ma anche razze medie come il Cocker. Alcune razze presentano forme specifiche della sindrome: questo è il caso di Boxer e Doberman.

Sintomi di cardiomiopatia dilatativa

La sindrome di CMD può manifestarsi in modi diversi. Potrebbe passare inosservato, specialmente nelle prime fasi di affetto o in alcune razze come Boxer o Doberman.

Altri sintomi non specifici possono anche essere:

  • affaticabilità,
  • un deterioramento dello stato generale,
  • la perdita di peso,
  • sincope.

Nel caso di un CMD, questi sintomi sono correlati alla difficoltà del sangue di irrigare correttamente gli organi e i tessuti del corpo e testimoniano dell'insufficienza cardiaca congestizia correlata all'accumulo di sangue nelle camere cardiache.

La dilatazione cardiaca osservata nella sindrome CMD può anche comportare la perdita di tenuta delle valvole cardiache . In tal caso, una parte del sangue ritorna indietro ad ogni contrazione del cuore, che ha l'effetto di affaticare ulteriormente l'organo e renderlo sempre meno efficace. E quando il cuore non è più in grado di svolgere il suo ruolo di pompa, i polmoni sono carichi di liquidi. Questo è chiamato edema polmonare. I primi segni clinici evidenti sono difficoltà respiratorie e tosse.

Altri sintomi includono gonfiore addominale dovuto all'ascite (accumulo di liquido nell'addome). All'auscultazione, il veterinario può anche notare la presenza di un polso debole o di disturbi del ritmo cardiaco chiamati aritmia cardiaca.

Diagnosi e trattamento della CMD

La diagnosi di una CMD può essere fatta usando vari esami come:

  • i raggi X del torace possono essere utilizzati per osservare la forma del cuore (il "cuore grande") e rilevare possibili complicazioni polmonari,
  • l'elettrocardiogramma mostra aritmie cardiache,
  • l'ecocardiografia e il Doppler sono usati per misurare l'ingrandimento delle camere cardiache e il flusso ematico espulso durante ogni contrazione cardiaca.

L'aspettativa di vita di un cane con cardiomiopatia dilatativa è purtroppo ridotta a pochi mesi. Tuttavia, ci sono trattamenti che non sono destinati a curare la malattia, ma solo a migliorare la qualità della vita del cane malato.