La bestia del Gevaudan: leggenda o realtà

La bestia del Gevaudan: leggenda o realtà Immagine: https://en.wikipedia.org

Questa storia non ha mai lasciato la nostra immaginazione collettiva come dimostra la produzione cinematografica come il Patto dei Lupi, la bestia di Gévaudan 2003 o la bestia di Gévaudan del 1967. In 3 anni dal 1764 al 1767, la bestia della Gevaudan uccide più di cento persone, è un vero massacro, le sue vittime sono solo donne e bambini. Ci sono innumerevoli miti e leggende intorno alla bestia del Gevaudan, in quel momento così credendo, è stata paragonata al diavolo, a una iena, una bestia con la testa di lupo il cui fianco sarebbe rosso sangue ... Ma oggigiorno Grazie ai ricercatori del Museo di Storia Naturale di Parigi, il mistero sull'identità di questa bestia è finalmente tolto.

In questo articolo di PlaneteAnimal, ti raccontiamo la terrificante storia della bestia di Gevaudan: leggenda o realtà.

Potrebbe interessarti anche: la bellissima leggenda dei Maya colibrì

Beast of Gevaudan: storia vera

Per cominciare, vi presentiamo Gévaudan, questa regione corrisponde approssimativamente all'attuale Lozère, ma anche all'Ardèche, alla Haute-Loire e al Cantal. Per oltre tre anni in questa vasta regione di squilibrati omicidi vengono perpetrati, nel 1764 vengono attribuiti alla " bestia del Gevaudan ". Il primo attacco avvenne nel 1764 contro una pastorella che i tori salvarono mettendo in fuga l'animale. Diversi testimoni concordano sulla descrizione che fanno dell'animale:

"una bestia con una testa molto grande, fianchi rossicci, con una fascia nera lungo tutto il dorso, una coda molto cespugliosa, gambe larghe con grandi artigli."

Dopo la prima morte, un adolescente di 14 anni, i morti sono collegati senza fermarsi ed è negli archivi nazionali che ci sono documenti che le vittime stavano portando un taglio specifico alla base collo, strano penserai e hai ragione perché non c'è animale che possa decapitare un essere umano con tale precisione e chiarezza. La bestia fa vittime fino ad Alvernia e gli abitanti sono giustamente terrorizzati ... Per rassicurare i suoi sudditi il ​​re Luigi XV manda un reggimento di draghi sul posto, ma la bestia è troppo maligna, è come se lei era in grado di sentire il pericolo, purtroppo i militari non sono in grado di afferrarlo. La bestia mostra un'incredibile mobilità, lascia sempre più vittime nelle regioni limitrofe come Aubrac e Margeride, lasciando dietro di sé pile di cadaveri decapitati e triturati.

Luigi XV cominciò a diventare lo zimbello dell'Europa per restaurare il suo stemma e inviò il migliore dei cacciatori francesi, F. Antoine, dopo tre mesi di rintracciare nel settembre del 1765 un grande lupo il cui corpo è imbottito e mandato in tribunale. Era solo un'esca ed era solo un grande lupo, F. Antoine non voleva tornare a mani vuote e quindi montò questo stratagemma. Solo che gli omicidi riprendono di nuovo e la bestia sembra sempre mistica perché nessuno riesce a prenderla ... Dopo oltre cento morti e una spaventosa psicosi nel centro della Francia che gli abitanti di queste regioni finalmente trova la pace. Il 19 giugno 1767, Jean Chastel, un contadino uccide un nuovo animale e le uccisioni si fermano al suono del suo fucile.

Ricorda questo nome perché fa parte del mistero che circonda la bestia di Gevaudan ...

Continua a leggere per scoprire qualcosa in più sul mistero di The Beast of Gevaudan: leggenda o realtà.


Immagine: https://laporteouverte.me

Beast of Gevaudan: storia vera Immagine: https://laporteouverte.me

Jean Chastel, serial killer?

Ci sono infinite spiegazioni che cercano di svelare il mistero della bestia di Gevaudan . Durante questo periodo, leggende sulle caratteristiche soprannaturali e fantastiche della bestia del Gevaudan sono legioni ... Oltre a queste teorie che potremmo descrivere come incredibili, abbiamo anche sentito che la bestia di Gevaudan sarebbe in realtà solo un uomo vestito con la pelle di un lupo, che la bestia è in realtà una iena riportata dall'Africa, o che in realtà è un gruppo di realisti che vogliono danneggiare il re o una setta satanica, questa storia ha contribuito a risvegliare il immaginazione di molte persone ...

Una delle spiegazioni più probabili è la seguente, come abbiamo detto prima, non esiste animale al mondo in grado di decapitare un essere umano in modo così chiaro e preciso. Le ferite trovate sui corpi provenivano dal bordo di una lama ... Dietro la bestia di Gevaudan ci sarebbe un uomo e quale sarebbe l'incrocio tra un cane e un lupo. Non è impossibile che un uomo potesse possedere un animale simile che avrebbe dovuto attaccare a comando, la vittima troppo occupata con il cane / lupo non vedrebbe l'uomo che arriva che finirebbe il lavoro decapitando la sua vittima . Inoltre, non è impossibile che l'uomo abbia equipaggiato il suo animale con una placca metallica sul lato per proteggerlo dagli spari. Una delle teorie più probabili è che dovremmo affrontare il primo serial killer nella storia .

Molte dita puntano verso Jean Chastel, due cose lo accusano, all'inizio nel 1765 fu incarcerato e stranamente, gli omicidi si fermarono durante l'anno in cui passò all'ombra. Il secondo è la relativa passività mostrata dalla bestia quando Chastel lo ha mandato a sei metri di profondità, è difficile credere che la leggendaria bestia del Gevaudan non abbia faticato di più. È come se si fosse fidata di Jean Chastel e che quest'ultimo, che si era appena reso conto che la sua frenesia omicida avrebbe dovuto finire, lo aveva ucciso per assolvere i suoi innumerevoli alberi di pesco. Inoltre, secondo alcune voci, Jean Chastel avrebbe avuto come animale da compagnia un incrocio tra un cane e un lupo, secondo sempre quelle stesse voci, si sarebbe allenato per la caccia ... Per volere sempre di più, avrebbe messo per cacciare il gioco umano con il suo cane / lupo ... Ma le voci sono ciò che vengono dette, sospiri anonimi la cui veridicità tre secoli fa rimane complicata da dimostrare, ma noi non non toglieremo alla testa questo famoso proverbio, non c'è fumo senza fuoco. Si suppone che per uccidere la bestia di Gevaudan, doveva solo ordinargli di non muoversi per porre fine ai suoi giorni. Secondo i difensori di questa tesi la morte di una ragazza amica di Chastel sarebbe stata l'innescata che gli avrebbe fatto capire le terribili conseguenze delle sue azioni . Inoltre, dopo che l'assassinio della Bestia di Gevaudan fu interrotto, Chastel, che non era mai stato veramente religioso, iniziò a frequentare regolarmente la parrocchia, cercando di espiare le sue pesche. Probabilmente non lo sapremo mai, così come è difficile sapere se questa teoria è quella giusta, ma nel corso della nostra ricerca sul web, questo è quello che sembrava più plausibile.

Jean Chastel, serial killer? Immagine: http://sagittariusresearch.over-blog.com

Se ti è piaciuto il nostro articolo su The beast of Gevaudan: legend o reality, ti consigliamo i seguenti articoli:

  • Gli animali sacri dell'India
  • I più potenti animali mitici
  • Perché i lupi ululano alla luna

Se ti piacerebbe leggere articoli simili a The Beast of Gevaudan: leggenda o realtà, ti consigliamo di consultare la sezione Curiosità del mondo animale.