Orticaria nei cani

L'orticaria nei cani è spesso dovuta a una reazione allergica. Come si è manifestato? Da cosa può essere provocato? E come trattarlo?

Orticaria del cane: definizione e sintomi

Alveari nei cani sono caratterizzati dall'eruzione di più brufoli chiamati papule. Sono causati da edema localizzato nel derma e consistono in lesioni cutanee a forma di cupola ben definite, circolari. Le lesioni sono generalmente di piccolo diametro, tra 0, 5 e 2 cm e possono o non possono prudere l'animale. L'orticaria può manifestarsi bruscamente (orticaria acuta) o progredire fino a più lungo (orticaria cronica).

Esiste anche una forma particolare di orticaria nei cani chiamata angioedema . Questo è un significativo gonfiore del tessuto sottocutaneo che si verifica nella faccia e nel collo del cane. Aspetto brutale, Questa è una vera emergenza veterinaria perché il gonfiore del collo, se comprime il tratto respiratorio superiore, può essere causa di difficoltà respiratoria.

Cause dell'orticaria del cane

Più spesso nei cani, l'orticaria è dovuta a una reazione di ipersensibilità, cioè a una reazione allergica, sebbene possano esistere altre cause.

Che si tratti di orticaria o angioedema, i fattori che causano questa ipersensibilità sono numerosi. Pertanto, l'orticaria può verificarsi come risultato di:

  • prendere una medicina,
  • ingestione di un alimento,
  • una puntura d'insetto o morso,
  • contatto con una pianta,
  • una trasfusione di sangue,
  • la presenza di parassiti intestinali,
  • dell'iniezione di un vaccino
  • dall'esposizione al calore, alle radiazioni UV o, al contrario, a temperature molto fredde,
  • calore nella cagna,
  • un'altra condizione della pelle come piodermite o dermatite atopica,
  • uno shampoo,

Il trattamento dell'orticaria nei cani

Il trattamento dell'orticaria nei cani di solito comporta la somministrazione di farmaci corticosteroidi e antistaminici . Nei casi di angioedema, il veterinario può anche iniettare adrenalina.

Se l'angioedema provoca complicanze respiratorie, è necessario il ricovero del cane.

Ovviamente, l'allergene scatenante deve essere cercato di evitare di esporre nuovamente il cane a questo elemento.