Olio di salmone per cani

L'olio di salmone per cani è una fonte di grassi particolarmente interessante per il cane. Vi spieghiamo quali sono i suoi benefici, come scegliere e dosare ...

Olio di salmone per cani: i suoi benefici

L'olio di salmone è ottenuto dalla carne di questo pesce particolarmente ricco di catene omega-3 molto lunghe: EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido doco-esa-enoico) .

EPA e DHA sono grassi particolarmente interessanti nella dieta del cane per più di una ragione:

  • Appartengono alla famiglia "omega 3": acidi grassi che hanno un ruolo antinfiammatorio, antiaggregante e vasodilatatore . Rendono possibile bilanciare l'assunzione della dieta con "omega 6", un'altra famiglia di acidi grassi il cui ruolo nel corpo è opposto,
  • Inoltre svolgono un ruolo importante negli scambi cellulari nel cervello, nella regolazione della coagulazione del sangue e aiutano a mantenere la qualità della pelle e del pelo .

In teoria, questi acidi grassi a catena lunga possono essere prodotti nel corpo da altri acidi grassi forniti dalla dieta. Ma, in pratica, nei cani questa produzione non è molto efficace perché il suo corpo non ha gli enzimi necessari per la sintesi di EPA e DHA in quantità sufficienti. La cosa migliore è portare questi acidi grassi già "pronti" al corpo del cane aggiungendoli direttamente alla sua dieta. L'olio di salmone e gli oli di pesce provenienti da mari freddi consentono questa integrazione.

Con un forte odore di pesce e composto da lipidi che agiscono come esaltatori di sapidità, l'olio di salmone è anche molto appetibile per i cani e permette di "aromatizzare" naturalmente il contenuto della loro ciotola . È particolarmente indicato nei cani ritenuti difficili.

Quali cani danno l'olio di salmone?

L'olio di salmone può essere somministrato a tutti i cani ad eccezione di quelli che soffrono di una malattia che giustifica, ad esempio, la limitazione del loro apporto dietetico di grassi come i cani con pancreatite.

La quantità di olio dovrebbe anche essere limitata nei cani in sovrappeso il cui apporto calorico è strettamente monitorato come parte di una dieta. Infatti, mentre l'olio di salmone è considerato "grasso buono", non è meno calorico di tutte le altre fonti di grassi. Consiste di 100% di lipidi e 1 g di questo olio porta 9 Kcal. In quantità adeguate, tuttavia, rende possibile combattere la sindrome infiammatoria generata dall'obesità.

Fai attenzione anche a non sovra-integrare una femmina che vuoi riprodurre perché omega 3 - grazie al loro ruolo antinfiammatorio - può disturbare l'impianto dell'embrione all'interno dell'utero e la nascita ... che sono in questo caso, fenomeni infiammatori utili per la riproduzione.

La somministrazione di olio di salmone è particolarmente indicata nei cuccioli, nei cani anziani e in quelli che soffrono di problemi dermatologici come la dermatite atopica.

Scegliere un buon olio di salmone

Il buon olio di salmone deve contenere circa il 30% di acidi grassi polinsaturi della famiglia omega 3, inclusi EPA e DHA. Questa informazione deve essere verificata sull'etichetta del prodotto.

Questi acidi grassi insaturi sono molto fragili e si deteriorano rapidamente a contatto con luce, aria o calore. Una volta modificati, i benefici nutrizionali di questi acidi grassi non saranno più presenti nel prodotto.

Anche l'imballaggio deve far parte dei criteri di selezione perché garantisce le qualità nutrizionali dell'olio in esso contenuto. Deve essere a tenuta d'aria per aiuto e non lasciare che la luce penetri. Quindi preferisci:

  • bottiglie con tecnologia airless. Sono fiasche sotto vuoto che non lasciano entrare aria quando si usa l'olio,
  • capsule di olio di salmone. Nota che se vuoi usare l'olio di salmone come "esaltatore di sapidità" naturale, dovrai bucare la capsula e diffondere il contenuto sul cibo del tuo cane prima di presentarlo.

Dosaggio e uso di un olio di salmone per cani

Ogni giorno, in un cane adulto sano, la quantità di olio di salmone che può essere somministrata al suo cane è di 500 mg per 10 kg di peso corporeo .

Tuttavia, questa integrazione non è essenziale nei cani che mangiano le crocchette e ancor più se le crocchette contengono già almeno l'1% di olio di pesce. D'altra parte, è raccomandato per i cani nutriti con una dieta fatta in casa.

Questa quantità può essere più elevata per accompagnare il trattamento di problemi dermatologici o altre patologie. In questi casi, il dosaggio deve essere specificato dal veterinario.

L'olio di salmone deve essere sempre dato crudo al cane, senza essere riscaldato in anticipo in modo da non alterare le sue qualità nutrizionali.

Ricordarsi di tenerlo in frigorifero e sempre lontano dalla luce per rallentare il processo di ossidazione dell'olio. Un olio ossidato non avrà più i benefici di omega 3, ma potrebbe anche causare alcuni disturbi digestivi nel vostro animale domestico.