L'harpagophytum per cani

Harpagophytum o "artiglio del diavolo" è una pianta conosciuta in tutto il mondo per le sue efficaci proprietà antinfiammatorie sul dolore articolare. Può essere usato nei cani? Perché preferisci la scrofolosa nodosità?

Harpagophytum, una pianta con proprietà infiammatorie

L'Harpagophytum ( Harpagophytum procumbens) è una pianta da frutto legnosa e strisciante con ami affilati e agganciati che si attaccano agli zoccoli degli animali per diffondersi. È a causa di questi ami che lo conosciamo anche sotto il nome di " artiglio del diavolo ". Originario della Namibia, a volte è anche chiamato la radice di Windhoek in riferimento alla capitale del paese.

La pianta ha radici tuberose secondarie di colore rosso-marrone . Sono proprio queste radici che vengono raccolte e sfruttate perché contengono ingredienti attivi che conferiscono alla pianta le sue proprietà farmacologiche.

Pertanto, le radici di Harpagophytum contengono i seguenti principi attivi :

  • terpeni,
  • flavonoidi
  • e in particolare iridoidi e più specificamente esteri di arpagoside e procumbide che conferiscono alla pianta i suoi effetti anti-infiammatori .

Sebbene i meccanismi di azione di questi ultimi principi attivi non siano ancora del tutto chiari, è noto che inibiscono la sintesi delle prostaglandine, sostanze prodotte dall'organismo e coinvolte nella creazione di reazioni infiammatorie.

Quali indicazioni per l'harpagophytum?

In entrambi i cani e gli esseri umani, l'arpagofito può essere usato come un farmaco antinfiammatorio non steroideo per alleviare il dolore articolare in artrosi e artrite, dolori muscolari, tendiniti e mal di schiena .

Come somministrare harpagophytum a un cane?

In Francia, l'harpagophytum può essere trovato in 3 forme, che possono essere somministrate al cane: in compresse, in capsule o direttamente nella forma di una radice essiccata da cui i principi attivi devono essere estratti per decozione.

Questo decotto può essere applicato localmente usando un impacco su aree dolenti (su una distorsione, per esempio) o somministrato per bere l'animale. Tuttavia, è molto amaro, quindi il cane ha una grande possibilità di non berla spontaneamente. Deve quindi essere somministrato direttamente nella bocca usando una piccola pipetta o siringa precedentemente sgomberata dall'ago.

Per questi motivi, le forme di dosaggio più convenienti della pianta da somministrare al cane sono compresse o capsule. Tuttavia, dobbiamo prendere la precauzione di somministrarli durante i pasti per cani, mescolati con il cibo, perché la pianta potrebbe causare disturbi gastrici.

Per quanto riguarda il dosaggio, chiedi sempre al tuo veterinario.

Attenzione!

Le compresse o le capsule di Harpagophytum non sono integratori alimentari del tutto innocui. Queste sono medicine vegetali che, come tutte le medicine, hanno controindicazioni. Pertanto, l'harpagophytum non è raccomandato per le femmine in gravidanza o in allattamento . È anche controindicato nei cani che soffrono di diabete, insufficienza cardiaca, insufficienza renale o disturbi gastrici (ulcere, gastrite ...). Prima di usarlo sul tuo animale, chiedi sempre consiglio al veterinario. Ciò è particolarmente vero se il tuo cane sta già assumendo farmaci per evitare qualsiasi interazione con effetti collaterali.

Quale alternativa all'arpagofito per il cane?

L'arpagofito è una pianta anti-infiammatoria molto efficace ma è vittima del suo successo. Oggi è in pericolo a causa del suo sovrasfruttamento nel deserto del Kalahari in Namibia dove cresce esclusivamente. Essendo diventato raro e prezioso, il mercato è stato invaso da radici di minore qualità e la cui autenticità e origine sono dubbia. Di conseguenza, le piante o gli estratti vegetali di origine certificata sono quindi relativamente costosi e il loro uso è discutibile, dal punto di vista ecologico.

Per fortuna esiste un'alternativa all'arpagofito: scrofula nodosa ( Scrophularia nodosa ). Questa pianta della famiglia Scrofulariaceae ha il duplice vantaggio di crescere ovunque in Francia e di avere le stesse proprietà farmacologiche di Harpagophytum.

Può quindi essere usato nei cani per tutti i dolori in reumatologia e anche per l'arpagofito per via orale o in compressa locale.

Si trova sotto forma di estratti fitostandardizzati (EPS) somministrati al cane in ragione di 2 ml per 10 kg di peso corporeo al giorno (e con un massimo di 5 ml / giorno indipendentemente dal peso dell'animale) e sotto forma di parti di piante essiccate da produrre (per i capolini) o in decotto (per le radici).

Si noti che le controindicazioni sono le stesse dell'arpagofito. La pianta non deve essere utilizzata per via orale in cagne gravide, cani con ulcere gastriche e insufficienza cardiaca. Come prima, il consiglio di un veterinario è sempre richiesto prima di usarlo sul tuo animale domestico.