Epatite da Rubarth nei cani

L'epatite contagiosa canina conosciuta anche come epatite da Rubarth è una malattia che colpisce canini come cani e volpi. Non ha nulla a che fare con l'epatite virale che può colpire gli umani e quindi non viene trasmessa dagli animali agli esseri umani o viceversa.

Questa epatite canina è causata da un virus. Gli animali sono contaminati dall'ingestione di secrezioni contaminate (feci, urine, saliva) da un animale malato o in contatto con oggetti contaminati da queste stesse secrezioni.

I sintomi dell'epatite di Rubarth

I sintomi sono estremamente variabili : possono essere lievi o andare fino alla morte improvvisa. La rapida morte dell'animale, che si verifica entro poche ore dopo l'infezione, è particolarmente evidente nei cuccioli molto piccoli di età inferiore a 3 settimane. Questa forma iperacuta della malattia è fortunatamente diventata estremamente rara alle nostre latitudini. Più classicamente, possiamo osservare un forte abbattimento nel cane colpito dalla malattia, che spesso spinge il padrone a consultare rapidamente un veterinario. All'auscultazione, il medico noterà una febbre alta e un'infiammazione delle tonsille e delle mucose adiacenti e un rigonfiamento dei linfonodi mandibolari. Questi sintomi saranno seguiti da altri disturbi digestivi come vomito da diarrea e perdita di appetito.

L'epatite significa anche danni al fegato . L'organo aumenta di volume e sanguina le gengive a causa di un'incapacità di sangue a coagulo e ittero (ittero) può verificarsi. Il cane soffre anche di forti dolori addominali. In questa fase, la mortalità è del 20%. I cani sopravvissuti rimangono in convalescenza per diverse settimane.

La malattia è anche espressa in una forma lieve che causerà nell'animale un po 'di febbre, forse diarrea e un aumento del volume dei gangli .

Accade che il cane abbia un occhio blu circa 10 giorni dopo la comparsa dei primi segni della malattia. Questo colore blu è dovuto ad un edema che si forma sulla superficie dell'occhio e scompare spontaneamente.

trattamento

Non esiste un trattamento per la causa principale della malattia: il virus dell'epatite. Il veterinario, una volta diagnosticato, può purtroppo trattare solo i sintomi e limitare l'insorgere di lesioni sull'animale. Il veterinario può quindi prescrivere, in base all'evoluzione della malattia, trattamenti antibiotici per controllare eventuali superinfezioni batteriche, antiemetici, anti-diarrea per preservare la mucosa intestinale, medicinali per aiutare il sangue a coagulare meglio, cure di supporto per aiutare il cane a nutrirsi, antinfiammatori, una dieta adattata all'insufficienza epatica ... In altre parole, il trattamento può essere pesante per sostenere il corpo del povero animale già indebolito ma anche per il tuo budget.

Come in molte aree, la cosa migliore è anticipare sottoscrivendo un'assicurazione per cani e mutuo per prevenire questa eventualità e vaccinare il cane contro questa malattia. Perché sì, c'è un vaccino, efficace, che il tuo cane può ricevere dall'età di 8-10 settimane. Sarà sufficiente fare promemoria annuali per tutta la vita del compagno per mantenere una protezione efficace.