Eclampsia nella cagna

Eclampsia, noto anche come tetano puerperale da parte dei veterinari, è un disordine metabolico che può verificarsi nella femmina alla fine della gestazione o durante il periodo dell'allattamento.

È una vera e propria emergenza veterinaria .

Quali sono i sintomi di eclampsia?

I primi sintomi di eclampsia sono:

  • nervosismo e agitazione,
  • rigidità muscolare che può causare rigidità nell'andatura,
  • disturbi respiratori manifestati da rantoli,
  • aumento del rischio cardiaco.

Questi primi sintomi possono essere difficili da individuare per il proprietario del cane all'inizio della crisi eclampsia. Se non viene intrapreso alcun trattamento, la condizione di un cane in crisi può peggiorare da pochi minuti a qualche ora dopo l'insorgenza di questi primi sintomi, evolvendosi in crisi senza perdita di coscienza.

Senza cure veterinarie, il cane può perdere la vita.

La maggior parte dei casi di eclampsia si verifica durante i primi 21 giorni di allattamento, ma può durare dagli ultimi 20 giorni di gestazione a 45 giorni dopo la nascita dei cuccioli.

Qual'è l'origine dell'eclampsia?

La fine della gestazione e dell'allattamento sono momenti in cui il corpo della femmina deve mobilitare molto calcio. Questo calcio è usato per costruire cuccioli di scheletri e la produzione di latte, ricca di questo minerale. Il corpo della cagna disegna questo calcio nel suo scheletro. In alcuni casi, il fabbisogno di calcio può essere maggiore di quello che il corpo della cagna può effettivamente fornire. Il cane è quindi privo di calcio o ipocalcemia, che è alla radice del disordine metabolico che causa i sintomi di eclampsia.

Cani di piccola taglia (barboncini, pinscher in miniatura, chihuahua ...) e cucciolate con un gran numero di cuccioli sono ulteriori fattori di rischio per l'eclampsia.

Cosa fare in caso di crisi eclampsia?

In caso di crisi eclampsia, è ovviamente necessario smettere immediatamente di allattare i cuccioli e sostituirli con il biberon con latte artificiale. È anche vitale portare il cane con urgenza a un veterinario per il ricovero. Il veterinario ripristinerà l'equilibrio del calcio della cagna iniettandolo con calcio per via endovenosa. Questo trattamento, molto delicato, deve essere eseguito sotto controllo cardiaco perché un eccesso di calcio o un aumento troppo improvviso della sua velocità nel sangue possono indurre un arresto cardiaco.

Una volta che il cane è stato restaurato, può, in base alle sue condizioni e alle raccomandazioni del veterinario, riprendere parzialmente o completamente l'allattamento al seno dei suoi cuccioli. Per evitare la recidiva, il veterinario può prescrivere una dieta adeguata e un'integrazione di calcio.

L'eclampsia può essere prevenuta?

L'Eclampsia può essere prevenuta somministrando a femmine in gravidanza e in allattamento una dieta i cui livelli di calcio e fosforo si adattano al loro stato fisiologico. Evita anche di nutrire riso o mais con il tuo cane. Questi amidi contengono sostanze anti-nutrizionali che impediscono l'assorbimento del calcio.

Chiedete consiglio al vostro veterinario e osservate attentamente il vostro cane durante il periodo dell'allattamento al seno.