Autolesionismo nei cani

Il tuo cane si lecca costantemente senza una ragione apparente? Va in giro disperato per catturare il suo cazzo? Si toglie i capelli, si gratta o lo rode continuamente e talvolta persino fino all'osso? Dobbiamo reagire!

Vediamo perché il tuo cane adotta questo tipo di comportamento e soprattutto come risolvere e / o alleviare il problema e permettere al tuo cane di stare molto meglio nelle sue zampe.

Efficace protezione contro i parassiti

La prima cosa da fare è controllare che il cane sia ben protetto contro i parassiti interni (vermi) o esterni (pulci). E sì, a volte basta solo offrire loro una buona protezione antiparassitaria in modo che il problema si attenui. Tuttavia, chiedi al tuo veterinario di offrire al tuo cane un prodotto curativo perché nella maggior parte dei casi i prodotti offerti sono semplicemente preventivi e in questo caso non sarà sufficiente e non avrà alcun effetto.

Un problema fisiologico

Quindi, fissare un appuntamento con il veterinario per eliminare eventuali problemi fisiologici come un'affezione delle ghiandole anali o istoplasmosi che è un'infezione fungina.

Tieni presente che quando un problema di salute non viene trattato abbastanza presto, il tuo cane potrebbe dover assumere comportamenti autolesionistici. Inoltre, anche quando il problema viene finalmente trattato, a volte il tuo cane può continuare ad adottare questo atteggiamento di autolesionismo semplicemente per abitudine. Questo può quindi richiedere tempo e richiede un lavoro comportamentale in parallelo.

Un problema comportamentale

Lavoro comportamentale, parliamone! Quando tutte le possibili ragioni fisiologiche vengono scartate, è necessario essere interessati a una possibile causa comportamentale. Per fare questo, è molto importante analizzare e osservare i fattori scatenanti dell'atteggiamento di autolesionismo del proprio cane al fine di proporre una soluzione efficace al problema.

In generale, è sempre più rilevante risolvere la causa del problema piuttosto che il sintomo perché equivale a mettere una benda su una ferita aperta: in effetti non vedremo più il problema ma in nessun caso avremo trattato la ferita.

Avvertenza: evitare di rafforzare in modo subconscio il cane

Certo, potrei dirti di distrarre il tuo cane non appena inizia a leccare o ad adottare un atteggiamento auto-offensivo (eccessiva grattata / leccata, strappo dei capelli, ecc.) Attraverso una sessione. giocare, una sessione educativa o una passeggiata, ma non sarà affatto costruttivo.

Sai, i cani sono i re dell'apprendimento per associazione, è noto. In tal modo, rafforzerai semplicemente il comportamento autolesionistico del tuo cane man mano che capirà che ogni volta che inizia a grattarsi o qualsiasi altra cosa, ottiene la tua attenzione e ottiene una grande attività con te. . Avrà presto creato la seguente associazione: "I scratch = I have attention, I have a reward." Pertanto, inconsciamente, rafforziamo il comportamento fastidioso del cane e soprattutto lo convalidiamo in questo atteggiamento. Che ovviamente non è quello che vuoi ottenere, non è vero?

Attività di autolesionismo legate alla noia

Ti stavo parlando un po 'prima dell'importanza, quando si lavora con un cane, della ricerca e dell'analisi della causa del problema. Bene, i cani spesso adottano attività surrogate e autolesionistiche per colmare una lacuna al fine di "svuotare la loro borsa" al fine di spendere troppo la loro energia! E sì, qualsiasi essere vivente diventerebbe pazzo restando bloccato o incapace di sfogarsi completamente. Ci sarebbe inevitabilmente della frustrazione e genererebbe, in modo molto logico, un'attività "hobby".

Quindi, la prima cosa da fare se il tuo cane è impegnato in comportamenti autolesionistici: esci! Offrigli sessioni di gioco con te, lunghe passeggiate con un guinzaglio rilassato o anche un lombo, il tutto in posti diversi e più o meno stimolanti. In breve: permettigli di spendere la sua energia e vedrai che il tuo cane, una volta tornato a casa, avrà molto meno bisogno di evacuare la sua troppa energia perché tu, il suo padrone, il suo umano, gli avrai permesso per soddisfare questa esigenza.

E questo, devi farlo ogni giorno, più volte al giorno, è molto importante e soprattutto essenziale per mantenere la buona salute "mentale" del tuo cagnolino. E fai solo attenzione a non suggerire questo al tuo cane non appena inizia la sua attività di autolesionismo! Ricorda di non rinforzarlo e convalidarlo inconsciamente in questo comportamento!

Sai, una gita mattutina nel giardino per fare pipì e una passeggiata di soli 15 minuti non è ovviamente abbastanza quando hai un cane! Devi soddisfare i bisogni primari (bere, mangiare, dormire) del tuo cane, è ovvio, ma devi, come il supervisore responsabile per il benessere del tuo cane, anche soddisfare i suoi bisogni sociali (passeggiate e incontri regolari con i congener) ) e spese (giochi di tracciamento, lanci, autocontrollo, ecc.).

Attività di autolesionismo legate all'ansia

Rimaniamo sempre in attività di autolesionismo per riempire un vuoto quando parliamo di ansia. E questo può essere dovuto ad ansia da separazione, trauma passato, brutta esperienza, oa causa di un disturbo dello sviluppo, per esempio. Ci sono molte ragioni che possono causare stress e ansia nei cani, e il modo in cui affrontano questa emozione è adottare un atteggiamento di automutilazione.

Prendi l'ansia da separazione, ad esempio, sarà necessario riprendere a imparare la solitudine in modo che il cane in questione riesca a gestire l'assenza dei suoi insegnanti in modo calmo e ciò non gli causi ansia come è "obbligato" all'autolesionismo per colmare questa lacuna. Per fare questo, sarà naturalmente necessario impostare regole di vita a casa per insegnare al cane a gestire questa frustrazione.

Come risolvere il problema?

Prima di tutto, non accarezzeremo sempre il suo cane quando verrà a trovarci, non gli presteremo più attenzioni come al solito e, soprattutto, gli insegneremo a non seguirci ovunque in casa. E sì, per imparare la solitudine per un cane è prima di insegnargli a stare da solo, anche quando i suoi padroni sono presenti in casa.

Poi, durante le partenze, al cane verrà offerta un'occupazione, cibo o un giocattolo, per esempio, in modo che si concentri su qualcos'altro. In tal modo, il tuo cane farà la seguente associazione: "i miei padroni lasciano = ricompensa". Ma soprattutto, gli sarà offerto un significativo dispendio di tempo in modo da evacuare la sua sovra-energia e quindi il suo stress prima di periodi più o meno lunghi di solitudine. Perché, sì, un cane speso, una volta a casa: dormi!

In breve, per riassumere

Il tuo cane potrebbe essere autoinflittuale per una serie di motivi:

  • Ragione patologica
  • Ragione fisiologica

In entrambi i casi di cui sopra, è necessario consultare il veterinario che vi farà riferimento per risolvere questo problema.

  • Motivo relativo alla noia.
  • Motivo relativo all'ansia.
  • Motivo collegato a una forte domanda di attenzione.

In questi tre casi, e in generale, è necessario:

  • Cambia le tue abitudini, offri uno stile di vita migliore per il tuo cane senza necessariamente metterlo al centro della tua vita, al contrario.
  • Dai al tuo cane il tempo di trascorrere ogni giorno che gli permetterà di trascorrere sia fisicamente che mentalmente.
  • Insegna al tuo cane a gestire i suoi stati di frustrazione, cioè insegnargli come gestire questa emozione non cedendo a tutte queste richieste, che siano l'attenzione, il gioco o la carezza.
  • Stare dietro l'iniziativa di tutte le attività del tuo cane, non permettere a lui di decidere tutto.
  • Insegna al tuo cane a vivere serenamente momenti di solitudine offrendo giochi di occupazione, ad esempio.
  • Non rinforzare gli atteggiamenti di autolesionismo del tuo cane dandogli molta attenzione quando lo fai.