Ehrlichiosis nei cani: sintomi e trattamento

Le zecche, questi temuti parassiti che si nutrono di sangue, possono portare molte malattie nei nostri amici a quattro zampe.

I più noti sono la malattia di Lyme e la piroplasmosi, ma ce n'è un'altra, più sconosciuta, chiamata ehrlichiosi. Descrizione di questa malattia infettiva.

Ehrlichiosi, una malattia infettiva del cane trasmessa da zecche brune

L'erlichiosi è causata dall'infezione del sangue del cane con un batterio appartenente alla famiglia Rickettsiae e chiamato Ehrlichia canis.

La contaminazione dell'animale si verifica durante una puntura di zecca che trasporta i batteri. Più specificamente, sono le zecche appartenenti alla specie Rhipicephalus sanguineus che sono i vettori dell'erlichiosi canina. Questa specie di zecca, chiamata anche zecca marrone, è la seconda specie più comune nei cani. È diffuso nel mondo, in tutti i continenti ma si trova preferibilmente nelle zone tropicali e temperate. In Francia, si sviluppa principalmente (ma non esclusivamente) intorno al Mediterraneo, nella valle del Rodano e nel sud-ovest, così che i casi di ehrlichiosi sono più diffusi in queste regioni.

Come riconoscere l'ehrlichiosi canina?

Questa malattia infettiva è responsabile di una vasta gamma di sintomi che dipendono sia dalla razza del cane, dalla salute iniziale e dallo stato del sistema immunitario, sia dalla virulenza dei batteri che lo provocano. ha infettato. Anche i sintomi non sono molto specifici. Per questi motivi, è spesso molto difficile per un veterinario diagnosticare l'erlichiosi senza dover eseguire esami del sangue.

La malattia si esprime in diverse fasi che non è sempre facile distinguere.

Fase acuta

Questa prima fase può passare inosservata e non dura più di un mese. Dopo un periodo di incubazione da 8 a 20 giorni, la fase acuta può manifestarsi con:

  • una febbre significativa compresa tra 39, 5 ° C e 41, 5 ° C, che può manifestarsi già 10 giorni dopo l'inoculo dei batteri,
  • perdita di appetito,
  • perdita di peso,
  • una grande fatica

Più raramente, c'è un flusso abbondante di muco attraverso il naso o gli occhi che possono essere tinti di sangue. I veterinari parlano di secrezione oculo-nasale.

Fase sub-clinica

La fase subclinica segue la fase acuta e dura da 2 a 3 mesi. Può evolversi in due modi a seconda dello stato di salute iniziale del cane:

  • se il cane ha buone difese immunitarie, i sintomi della fase acuta diminuiscono anche in assenza di trattamento e la malattia si evolve nella sua forma cronica,
  • se il cane ha difese immunitarie difettose, i sintomi della fase acuta si intensificano. La malattia può quindi toccare gli occhi e causare la cecità dell'animale . Nei casi più gravi, la malattia causa emorragia su molti organi e altre complicanze che possono portare alla morte dell'animale.

La fase cronica

Da due a quattro mesi dopo l'inoculazione dei batteri da parte della zecca si verifica la fase cronica. Questa fase può essere benigna in alcuni cani che non presentano più alcun sintomo della malattia: si dice che siano portatori sani di batteri di E. coli.

In altri casi, la fase cronica può anche essere accompagnata da segni visibili estremamente vari, di cui il seguente è un elenco non esaustivo:

  • la comparsa di lividi sul ventre dell'animale,
  • l'aspetto di piccole spighe di sangue chiamate petecchie sulle mucose,
  • una presenza di sangue nelle urine,
  • gonfiore delle articolazioni e scroto,
  • zoppia,
  • diarrea e vomito,
  • segni neurologici.

In questa fase della malattia, il veterinario noterà negli esami del sangue una grave caduta di piastrine, globuli rossi e globuli bianchi. Altri test possono rivelare insufficienza epatica e insufficienza renale cronica.

La malattia è particolarmente grave nel pastore tedesco in cui provoca anemia aplastica, in altre parole una scarsità di midollo osseo che si traduce in una irreversibile incapacità di produrre globuli rossi. La prognosi vitale dei cani con questa forma cronica della malattia è molto buia.

Ehrlichiosi, è trattata?

Ci sono trattamenti antibiotici che possono curare la malattia. È nella fase acuta della malattia che il trattamento offre le migliori possibilità di cura. Dai primi segni della malattia, è quindi vivamente consigliato visitare il veterinario . La consultazione, le analisi del sangue e il trattamento antibiotico possono essere rimborsati anche se si è preso cura prima di stipulare un'assicurazione sanitaria per gli animali.

Nella fase cronica, i trattamenti antibiotici possono essere completati da trattamenti per supportare le funzioni vitali dell'animale.

Se oggi non esiste un vaccino contro l'ehrlichiosi, è ancora possibile prevenire la malattia evitando l'infestazione del cane da parte delle zecche. Ricordarsi di aggiornare il trattamento contro parassiti esterni e ispezionare il suo cappotto ogni volta che si torna indietro.