Come reagire quando si ha paura dei cani: la cinofobia

Hai mai notato che quando qualcuno ha paura dei cani, è sempre verso questa persona che vanno prima?

E sì, una persona che ha paura, a causa dei suoi gesti e condivide ciò che rilascia diventa molto interessante per un cane. Vediamo perché e soprattutto come reagire quando abbiamo paura dei cani.

La paura dei cani: la cinofobia

Da quando ho adottato un cane, ho capito il grande numero di persone che hanno paura di questa specie animale, sia per ignoranza, sfiducia, brutta esperienza, o semplicemente perché è legata a una paura responsabile e motivato, tutti i motivi (giustificati o meno) devono essere presi in considerazione.

Sento spesso persone che dicono che devi lavorare su te stesso in modo da non avere paura, calmarti, respirare e tutto andrà bene. Sì, queste sono buone tecniche, ma è molto più facile a dirsi che a farsi. Quindi ti suggerisco di vedere più chiaramente i messaggi che inviamo ai cani quando abbiamo paura e soprattutto quali conseguenze hanno su di loro.

Messaggi emessi in caso di paura

Un cane avrà sempre più desiderio di andare da una persona che ha paura piuttosto che da una persona che non lo conosce perché la persona che ha paura emette segnali e trasmette messaggi più o meno chiari per i nostri amici cani.

Lascia che ti spieghi, immagina che cammini per la strada e che tutte le persone che incontri ti ignorino completamente, seguano la loro strada senza prestare attenzione a te e che all'improvviso una persona, vedendoti, si congeli, ti aggiusta Occhi grandi e inizia lentamente indietro ... Sarai incuriosito vero? Beh, dici che per un cane è praticamente la stessa cosa.

In effetti, il contatto visivo è un indicatore molto forte per i cani e non è consigliabile guardare un cane sconosciuto negli occhi in quanto potrebbe essere considerato come una provocazione o un invito a contattare. Proprio come se la persona che ha paura grida o peggio, scappa, questo non farà altro che incitare il nostro caro amico a quattro zampe a correre a turno, pensando che la persona lo invita a giocare, semplicemente.

Raccomando inoltre a tutte le persone che hanno paura dei cani, di non cercare a tutti i costi di superare se stessi e di superare le sue paure perché in molte situazioni, le emozioni emesse così come i gesti adottati non sono coerenti per il cane e non sempre generano un successo completo.

Alcuni consigli pratici

Anche se evitare il problema non è una soluzione in sé, ecco alcuni consigli per evitare di attirare l'attenzione di un cane e quindi non è interessato all'unica persona che non desidera il contatto:

  • Suggerimento n. 1 : non guardare un cane che non sai nei tuoi occhi, potrebbe essere interpretato come una provocazione. Preferisci distogliere lo sguardo in modo da non concentrarti su ciò che ti spaventa, ad esempio: il cane.
  • Suggerimento 2 : non entrare in contatto se non sei sicuro di te stesso perché il cane lo sentirà (non dimenticare che i nostri cari amici cani sono vere spugne emotive). Un lavoro su se stessi è essenziale prima di un possibile incontro. Inoltre, se davvero si deve fare un incontro, sceglieremo un cane calmo e soprattutto perché non è associato a non accumulare difficoltà.
  • Suggerimento n. 3 : non urlare o scappare perché il cane interpreterà questo come una chiamata da giocare e si metterà a correre a turno per giocare con te. Quale non è davvero l'obiettivo. Preferisci allontanarti dal cane passando a qualcos'altro senza prestare attenzione.
  • Suggerimento 4 : se un cane ti viene incontro o ti si avvicina, non farti prendere dal panico, fai un respiro profondo, non fare movimenti improvvisi. Il mio piccolo consiglio: conta nella tua testa, recita le tabelle di moltiplicazione per esempio. Questo ti permette di fissare la tua mente su qualcos'altro e quindi di non emettere troppi segnali di paura alla vista del cane.

Stai attento neanche: un uomo saggio ne vale due!

Stai attento

D'altra parte, non dico che non si debba mai avere paura di un cane, e al contrario bisogna essere sempre vigili perché a volte la reazione di un cane può essere imprevedibile. Non parliamo più di fobia, ma di paura misurata e responsabile. In effetti, senza essere in un estremo fobico e paranoico, è molto importante sapere come leggere un cane e poter percepire i suoi segnali di appeasement per essere sempre in un approccio ponderato e, naturalmente, per evitare qualsiasi conflitto.

Viceversa, a volte capita di incontrare persone che potrebbero non essere sufficientemente spaventate e che non misurano l'importanza di un buon contatto tra un cane e un essere umano in modo che non si verifichi. non c'è "incomprensione" e quindi comportamenti inappropriati. Penso soprattutto ai genitori che lasciano che i loro figli accarezzino un cane con il pretesto che lui è lì, quindi devi accarezzarlo. E no, i cani non sono animali imbalsamati ed è sempre necessario, in qualsiasi contesto per qualsiasi razza di cane, chiedere al padrone del cane se uno può accarezzarlo o no.

Allo stesso modo, come dog master, dobbiamo rispettare le paure degli altri e, soprattutto, non sottovalutarli . Lasciatemi spiegare, mi è capitato di incontrare cani veramente fobici e ho sempre avuto il riflesso di dire "non preoccuparti, non è male" fino al giorno in cui ho visto il mio cane avere una reazione diversa dalla solita faccia a una persona che non era a suo agio. È successo molto rapidamente e non si sono verificati incidenti, ma ho visto un comportamento diverso da parte del mio cane semplicemente in risposta a un atteggiamento di particolare paura, atteggiamento che non non avevo mai visto prima. Da quel giorno, rispetto la paura delle persone e se vedo una persona congelare o adottare qualsiasi atteggiamento di paura, lo ricordo sistematicamente al mio cane, anche se "è bello e vuole solo giocare".