Salvataggio in mare: missioni, razze e addestramento

Ci sono cani predisposti a soccorrere persone in pericolo.

Conosciamo anche i cani da soccorso in montagna o tra le macerie durante i disastri naturali o gli attacchi, ma oggi ci concentreremo soprattutto sui cani da salvataggio in mare.

Quindi, vedremo qui quali razze di cani sono più o meno predisposte a svolgere missioni di soccorso e ad essere addestrate per il soccorso, ma anche come insegnarle e quale formazione è possibile e disponibile per raggiungerla.

Le missioni di un cane da salvataggio in mare

I cani di soccorso in mare, tranne, naturalmente, gli umani in difficoltà, ma non solo, partecipano anche, tra gli altri:

  • assistere gli sforzi di soccorso per aiutare le persone colpite da inondazioni o altri disastri naturali,
  • recuperare materiale alla deriva,
  • portare una barca di evacuazione,
  • ricerca di persone scomparse in mare o in zone alluvionate,
  • per aiutare i marittimi in difficoltà,
  • aiutare a rimorchiare le barche,
  • salvare gli umani dall'annegamento,
  • aree di accesso a cui i servizi di soccorso non possono accedere,
  • eccetera

Quali razze di cani per il salvataggio in mare?

Prima di tutto, il primo criterio per essere in grado di salvare gli umani (potenzialmente grandi e forti, e no, non sono solo i bambini che affogano), è necessario reclutare cani di grossa taglia.

Quindi, sembra "scorrevole", non è vero, ma un cane che salva le persone in mare deve essere un cane che non ha problemi con l'acqua o con gli estranei. Chiaramente, le razze un po '"preziose" oi cani che avranno una naturale sfiducia per gli estranei non saranno eroi acquatici degni di questo nome.

Inoltre, un buon cane soccorritore in mare, oltre ad essere equilibrato, duraturo, socievole, muscoloso e obbediente in tutte le circostanze, non deve mai arrendersi finché la persona non viene salvata e al sicuro (o come il suo padrone non non dirgli di tornare indietro). Un cane soccorritore deve quindi essere ostinato e non deve fermarsi a nulla.

Inoltre, un "vero" cane da bagnino sarà in grado di mettere la sua vita in pericolo per salvare un umano. Non che sia "suicida" ma soprattutto perché il cane non ha la nozione di rischio o morte ... Può quindi rischiare il proprio per salvare la vita degli altri.

Ecco le razze di cani più famose che si trovano più spesso in addestramento di cani da salvataggio in mare (la lista non è esaustiva, ovviamente):

  • Il Terranova.
  • Il Golden Retriever.
  • Il Labrador Retriever.
  • Il Leonberg.
  • Il San Bernardo.

Terranova è certamente il campione a tutto tondo del salvataggio in mare, ce l'ha nel sangue come si suol dire! Anche senza un addestramento speciale, se hai un "animale domestico" Terranova, e vai a nuotare con lui, potrebbe star cercando di prenderti per un braccio per aiutarti a tornare in terraferma.

Inoltre, Terranova ha l'intera gamma di punti di forza che un cane dovrebbe avere per praticare il salvataggio in mare:

  • un cappotto impermeabile,
  • buona resistenza,
  • alta resistenza al freddo e all'umidità,
  • un sottopelo e un cappotto di alta qualità che ti permettono di nuotare in acqua fredda,
  • piedi palmati,
  • un'incredibile forza di attrazione.

Come addestrare un cane da salvataggio in mare?

Proprio come per cani da pastore o cani da caccia, i cani da soccorso hanno bisogno di un allenamento di qualità e di un addestramento regolare per portare a termine le loro missioni a pieni voti.

Anche se per alcuni cani il salvataggio è una prova perfetta che li spinge ad aiutare chiunque senza nemmeno fare domande, si adatterà ancora e soprattutto controllerà i loro istinti naturali a lavorare in coppia "padrone / cane".

In effetti, non si tratta di lasciare che il cane si consegni mentre attende con le braccia incrociate che ciò accada. Il salvataggio in mare è un vero sforzo di squadra . Pertanto, il cane deve ovviamente essere addestrato, ma anche il padrone per essere in grado di salvare le persone in pericolo in modo sicuro.

Si ritiene che la durata dell'allenamento per un cane soccorritore sia di circa 1 anno e mezzo . Così, sin dalla tenera età, viene insegnato concetti come il rapporto per esempio e alla fine della sua crescita, ha iniziato la formazione continua. Dall'età di 2 anni, il cane soccorritore è pronto a intervenire in missioni reali, partecipare a competizioni, ecc.

In termini di formazione, ci sono molte associazioni o altre organizzazioni private di addestramento per insegnare a maestri e cani come fare il primo soccorso in mare.

In Francia, il salvataggio in mare con il cane non è legato a una particolare professione, quindi questa disciplina è inizialmente un hobby ma anche un'attività sportiva da proporre al suo cane. Tuttavia, qualsiasi soccorritore (pompiere, bagnino, ecc.) Può tranquillamente (previo accordo con i suoi superiori) essere accompagnato dal suo cane soccorritore.

Tutti i club o le associazioni di cani da soccorso in mare vi diranno che il più importante nella formazione è il lavoro a terra prima di iniziare il lavoro in mare. In effetti, tutti i concetti educativi di base per questa disciplina come il rapporto, il tracciamento o la socialità devono essere acquisiti e rinforzati prima sulla terra.

Inoltre, il rapporto tra il padrone e il suo (futuro) cane da salvataggio deve anche essere creato prima, e poi rafforzato su base giornaliera in modo che il lavoro sia sinonimo di cooperazione e di interazioni quasi naturali tra il maestro e il suo cane

Poi, come per tutti gli apprendimenti, gli esercizi sono complicati gradualmente: chiaramente, non chiederemo a un cane di riportare indietro un umano che perde annegamento mentre non gli abbiamo nemmeno insegnato a riportare un oggetto sulla terraferma .

Prima verrà chiesto di portare una boa, un giubbotto di salvataggio, una tavola, una corda, ecc. Dal punto A al punto B. poi gli verrà chiesto di nuotare per lunghe distanze, di portare oggetti più pesanti, ecc.

Allo stesso modo per l'ambiente che viene proposto al cane per il salvataggio. Inizieremo prima con aree "calme", ​​senza potere e con una persona (o un oggetto) visibile per andare a recuperare e poi lavorare nel fiume contro corrente con una persona per cercare un esempio.

Per saperne di più su questa disciplina, non esitate a contattare un club cinofilo che offre questa attività vicino a voi. Se hai un Terranova o qualsiasi altro cane acquatico, lo consiglio vivamente!

È infine un'attività rara che deve essere democratizzata perché contribuisce notevolmente al dispendio mentale e fisico del cane, risponde agli istinti dei cani che i soccorritori della natura diremo, e soprattutto: è chiaramente utile!