Bruchi processionali: un pericolo per il cane

In primavera, è il momento in cui i bruchi processionali lasciano i pini o le querce per diventare farfalle. Rappresentano un pericolo per gli animali domestici e gli esseri umani a causa dei loro peli pungenti.

Cos'è un bruco processionario?

Le larve processionarie sono larve di farfalle, Thaumetopoea pityocampa, che colonizzano pini, cedri o latifoglie come le querce . Dopo la schiusa delle uova deposte in questi alberi tra giugno e settembre, i bruchi si fermano lì, caldi tutto l'inverno, in un nido di seta da cui escono per nutrirsi di notte.

Al momento della loro trasformazione, in marzo-aprile o nel mese di gennaio, se è mite, partono tutti insieme in file indiani collegati tra loro da un filo di seta per seppellirsi nel terreno. È da questa modalità di spostamento che il loro nome deriva da bruchi processionali. È proprio in questa fase larvale che il bruco processionario è il più pericoloso per i nostri animali domestici che, attratti da questo lungo nastro di insetti che si muove, non possono fare a meno di andare a mettere il naso o la lingua ...

In Francia, i bruchi sono presenti principalmente sulla costa mediterranea ma, di anno in anno, tornano a nord . Troviamo oggi nella regione di Parigi . Sono interessati anche altri paesi come Portogallo, Spagna, Italia, Marocco.

Posizione dei bruchi processionali del pino in Francia

Perché i processionari bruchi sono un pericolo per il cane?

Per proteggersi dai predatori, i bruchi processionali hanno un'arma formidabile. Sul loro corpo hanno capelli invisibili ad occhio nudo, urticanti contenenti una tossina molto potente chiamata thaumatopoeine . Questi peli hanno la distinzione di staccare molto facilmente. A contatto con la pelle o le mucose, causano reazioni allergiche e irritative impressionanti e necrosi dei tessuti.

Il pericolo è quindi importante per i cani, a volte troppo curiosi, che entrano in contatto con i bruchi processionali durante i loro movimenti in primavera. Classicamente, i peli raggiungono la lingua, le labbra, gli occhi o il naso del cane.

Attenzione!

Questi bruchi sono anche pericolosi nel bozzolo che costruiranno, così come negli umani come nei cani e nei gatti. I peli dei bruchi possono essere trasportati dall'aria ambientale in caso di vento che soffia tra i rami. È per questo motivo che è meglio avvisare il tuo municipio, se ne hai nel tuo giardino, per rimuoverli. Ci sono anche trappole da installare lungo i tronchi alla fine dell'inverno per catturare i bruchi prima che raggiungano il suolo. La cosa migliore è usare i professionisti per chiedere loro correttamente.

Quali sono i sintomi?

Il contatto con i peli del procione è estremamente doloroso . Provoca gravi infiammazioni, causando ustioni ed edema della zona interessata.

In caso di contatto con la lingua, ci sarà una forte salivazione seguita da un gonfiore molto grande della lingua, chiamato glossite, a volte al punto che il cane non può più contenerlo in bocca. La lingua può anche cambiare colore, diventando rossa, nera o grigiastro. Sotto l'azione della tossina, i tessuti della lingua possono persino essere distrutti in modo irreversibile, con conseguente perdita del pezzo di organo envenomed . Alcuni cani possono perdere piccoli pezzi di lingua alla fine, che, una volta guariti, avranno un aspetto frastagliato. Gli altri cani possono andare fino a perdere metà o tutta la loro lingua. In quest'ultimo caso, i cani, quindi incapaci di bere o mangiare, dovranno essere sottoposti ad eutanasia. D'altra parte, un cane che ha perso fino a metà della sua lingua sarà imbarazzato a mangiare e bere per tutta la vita, ma sarà in grado di adattarsi e sopravvivere.

Se il cane ha ingoiato i bruchi, lo stesso processo di distruzione dei tessuti può influenzare gli organi digestivi interni (esofago o stomaco) e causare la morte dell'animale.

Sono possibili sintomi generali come shock anafilattico potenzialmente letali, ma ancora rari.

trattamento

Se noti questi sintomi, dovresti portare il cane dal veterinario con urgenza. È lui che pulirà le varie lesioni. È importante, infatti, non manipolare troppo il cagnolino. L'uomo reagisce anche ai peli processionali del bruco.

Se il tuo veterinario è assente, puoi fare uno o due shampoo per rimuovere la maggior parte della sostanza pungente possibile se è la pelle del tuo animale domestico che è stata colpita. Ma attenzione, non toccare peli o bruchi a mani nude: prendi i guanti, anche per lavare il tuo animale domestico.

In caso di contatto con la bocca, è possibile leccare cubetti di ghiaccio o gelato (senza cioccolato!) Per ridurre il gonfiore prima di portarlo al veterinario il prima possibile.

Se non c'è molto da fare per fermare l'envenazione, il veterinario continuerà a combattere l'infiammazione e lo shock somministrando corticosteroidi ad azione rapida al cane. Allevierà il suo dolore somministrando analgesici e antibiotici per evitare possibili complicazioni dovute alla superinfezione .

Se i peli urticanti hanno toccato la lingua, il veterinario può scegliere di amputare parzialmente l'organo per impedire che la necrosi lo distrugga completamente.

L'omeopatia può anche aiutare, oltre alla terapia convenzionale, a ridurre la distruzione dei tessuti colpiti dalla tossina. Subito dopo l'incidente, dai al tuo cane 5 granuli di Urtica urens 5CH e Apis 5CH ogni 2 ore per 2 giorni e 3 volte al giorno per 3 giorni.

La medicina di erbe può anche aiutare ad alleviare il dolore. La curcuma è particolarmente indicata per le sue proprietà analgesiche e antinfiammatorie.