Béziers: il municipio sarà in grado di analizzare la cacca del cane del DNA

L'11 maggio 2017, il tribunale amministrativo di Montpellier ha autorizzato la registrazione del DNA del cane di Béziers, auspicata per un anno dal sindaco della città. Presentando la cacca del cane all'analisi del DNA, i proprietari che non raccolgono gli escrementi dei loro cani possono essere trovati e sanzionati.

Riconosciuta come la Regina dell'Evidenza, il DNA è ora ampiamente utilizzato dalla polizia legale per rintracciare gli autori di reati, crimini e omicidi. D'ora in poi, a Béziers, il DNA può anche essere usato per punire i maestri di cani che non raccolgono i loro escrementi . Questa nuova misura matura nella testa di Robert Ménard, il sindaco di Beziers che conosciamo vicino al Front National, da oltre un anno. E 'stato autorizzato, dall'11 maggio 2017, dal tribunale amministrativo di Montpellier dopo essere stato retoque più volte.

Torna sul documento amministrativo

Il 14 settembre 2016, Robert Ménard ha emesso un ordine secondo il quale tutti i proprietari di cani che viaggiano nel centro di Béziers sono tenuti a eseguire l'analisi del DNA del loro animale e trasmettere i risultati all'I-CAD, il file di identificazione nazionale per i carnivori domestici. Grazie a questo registro del DNA del cane, il comune potrebbe quindi prelevare il DNA dai cani mordaci, in uno stato di vagabondaggio o nei loro escrementi non raccolti per interrogare il file I-CAD. Lo scopo è identificare il proprietario del cane incriminato al fine di sanzionarlo.

A seguito di questo decreto, un appello era stato presentato dalla prefettura di Hérault. Quest'ultimo riteneva che il decreto non facesse parte dei poteri di polizia amministrativa del sindaco e ordinava "misure puramente repressive e sproporzionate rispetto agli obiettivi perseguiti". Il tribunale amministrativo di Montpellier e la corte amministrativa di appello di Marsiglia avevano quindi dato ragione alla prefettura colpendo l'ordine di sospensione.

Di fronte a questa sospensione, Robert Ménard ha rivisto il suo progetto limitando il file del DNA a 1500 cani e non più al totale di 9000 cani nel comune . Il nuovo decreto prevede inoltre che i dati sul DNA non siano più detenuti dal comune ma dal ministero dell'Agricoltura e che sia la polizia municipale a trovare il reato e la prefettura di polizia a redigere il verbale.

Infine, secondo la nuova versione del decreto, la sanzione inizialmente prevista per i proprietari di cani si è trasformata in una consapevolezza di quest'ultimo "alla politica di prevenzione della città di Beziers in termini di cani randagi ed escrementi canini ".

Nonostante questi cambiamenti, la prefettura di Herault ha presentato un nuovo ricorso che il tribunale amministrativo ha respinto questa volta l'11 maggio 2017, affermando che "nessuna delle argomentazioni sollevate avrebbe potuto creare un serio dubbio sulla legalità del nuovo progetto ".

Il comune è soddisfatto della decisione del tribunale e ... ora sarà in grado di analizzare lo sterco dei cani Bitterrian.